Il rischio va gestito, anche nel dopo-crisi

prevenzione rischio

La stanza dei bottoni è un talk-show economico mutuato dal celebre “C-Suite” della consorella americana.
L’obiettivo è fornire informazioni pratiche e operative, ad un pubblico di manager, imprenditori e professionisti su tematiche di gestione d’impresa rese attuali dall’aggancio con i temi più caldi del momento e dalla testimonianza di autorevoli esponenti del mondo dell’imprenditoria.

Il rischio va gestito, anche nel dopo-crisi

La crisi ha colpito duro e ha, tra le altre cose, ridotto l’attenzione delle imprese per la prevenzione dei rischi. E’ quel che è accaduto soprattutto negli ultimi due anni sul mercato delle Piccole e medie imprese, secondo le conclusioni di una recente indagine dell’Osservatorio del Politecnico di Milano e di Cineas sul Risk Management nelle PMI italiane. L’affanno a cercare soluzioni di affermazione e strategie di sopravvivenza ha portato a dimenticare – o lasciare temporaneamente da parte – le buone regole di un approccio al rischio. Per la ricerca, l’Osservatorio ha intervistato un campione di 701 aziende italiane rappresentanti di tutti i settori economici, ma in modo particolare dei macro settori dei Servizi (36% del campione) e della Manifattura (41%).

Ebbene, dalle risposte al sondaggio emerge come il protrarsi della crisi finanziaria abbia peggiorato la percezione del rischio dal parte delle Pmi, esasperando la componente finanziaria che è il primo elemento di sopravvivenza per le imprese (citato dal 58%) a scapito di altri elementi come ad esempio i rischi operativi.Sara-Assicurazioni-HiRes

Secondo il Cineas, il consorzio universitario per la diffusione della cultura del rischio, “sottovalutare i rischi operativi può determinare un indebolimento della struttura aziendale che, una volta terminata la crisi, rischia di trovarsi impreparata ad affrontare nuovamente il mercato in maniera competitiva”. Il 47% delle aziende percepisce oggi il rischio esclusivamente come un fattore negativo da evitare, percentuale che sale al 68% nelle piccole imprese: mentre il rischio è un evento reale, con cui confrontarsi in qualsiasi azione umana o imprenditoriale e va gestito come tale. Ma in che modo e con quali costi, in rapporto con i danni peggiori che si desidera prevenire? E’ una domanda che richiede risposte complesse: e proveremo a darvele oggi nella Stanza dei bottoni.

 

Ospiti:
Carlo Francesco Dettori, Broker Assicurativo JMorgan Brokers – Founder & CEO di Insurance-Arena.Com )
Paolo Rubini – Presidente ANRA

Santoliquido – AD SARA Assicurazioni
Marco Boretti – Affinity Country Director AON
Messa in onda – Class CNBC – Sky – Canale 507
GIOVEDI 19 giugno – PRIMA VISIONE – 21.05
SABATO 21 giugno – PRIMA REPLICA – 10.00
LUNEDI 23 giugno – SECONDA REPLICA – 23.30
MERCOLEDI 25 giugno – TERZA REPLICA – 16.10

Pubblicazione Web – Da venerdì 20 giugno
http://video.milanofinanza.it/classcnbc/la-stanza-dei-bottoni/

The following two tabs change content below.
Classe 1964. Imprenditore e Broker con esperienza trentennale nel settore delle assicurazioni, dal 1998 è presidente di JMorgan Brokers, società di brokeraggio assicurativo. Ha iniziato a svolgere la professione come agente monomandatario alla Minerva Assicurazioni. E’ stato fondatore e presidente delle seguenti società: Minerva Insurance Brokers, Consorzio Triform per la formazione, Morgan & Ashley formazione e consulenza, Charles & Willis real estate investments, AGM Consulting Group Agenzia plurimandataria, Consorzio Sintesa. Nel 2000 cofonda la Display SPA, internet company che lancia il primo sito di shopping italiano costameno.it. La sua ultima idea imprenditoriale vede la luce nel 2013: si tratta di Insurance-Arena.COM®, il 1° Social Business Marketplace per intermediari assicurativi. Infine InsurZine.COM 1° magazine Insurtech italiano

Lascia un commento