Allianz Partners lancia Cyber Risk Protection

cyber risk management

Allianz Partners lancia Cyber Risk Protection.

Viviamo sempre più connessi. Lo scorso anno la media mensile di utenti della rete ha raggiunto quota 43,5 milioni[1], il 73% della popolazione dai 2 anni in su, e abbiamo fatto acquisti online per 30,6 mld di euro.

Con la pandemia abbiamo familiarizzato con nuovi modi di usare il web, abbiamo visto crescere e accelerare il suo utilizzo per lavorare, studiare, o anche semplicemente per tenere vivi i contatti con amici e parenti.

Ogni giorno si moltiplicano le opportunità, nascono nuovi servizi, ma con queste crescono purtroppo anche i pericoli della rete. Perdita di dati, cyberbullismo, phishing, furto dell’identità digitale: tutti fenomeni ai quali siamo sempre più esposti, ma che vengono ancora sottovalutati da 6 italiani su 10, come rilevato dall’indice di preoccupazione realizzato da AstraRicerche per Allianz Partners.

Per rendere più serena la vita digitale degli italiani, Allianz Partners ha presentato Cyber Risk Protection, la nuova soluzione contro i rischi digitali firmata dal marchio commerciale Allianz Global Assistance.

In una nota la società spiega che Cyber Risk Protection “nasce per garantire protezione a 360 gradi all’intero nucleo familiare, assicurando assistenza contro il cyberbullismo e per danni alla reputazione digitale (e-reputation), protezione per gli acquisti online e in caso di perdita di dati, nonché assistenza legale dedicata”.

Il sostegno a Fondazione Francesca Rava e al suo progetto SOS Scuola

Insieme al lancio, Allianz Partners ha annunciato il sostegno a Fondazione Francesca Rava e al suo progetto SOS Scuola, donando 1 euro per ogni polizza Cyber Risk Protection venduta. Il progetto, che prevede la donazione di strumenti per la didattica a distanza e corsi di digitalizzazione consapevole – pensati per fornire competenze informatiche, educare sui rischi del web e prevenire il cyberbullismo – è destinato ai minori accolti nelle Comunità e Case famiglia sostenute dalla Fondazione e ai loro educatori.

“Anche oggi, che percorriamo sempre più connessi le strade del web, il nostro impegno non cambia: proteggere, garantire la serenità di vivere la propria vita, prestare soccorso al bisogno e risolvere tempestivamente i problemi rimane il nostro mestiere. Cambia naturalmente il modo in cui lo facciamo, ampliando i nostri servizi per rispondere alle nuove esigenze delle persone, unendo esperienza e capacità di innovare, tecnologia e umanità”, ha dichiarato Paola Corna Pellegrini, Ceo di Allianz Partners. “Poter poi cogliere questa occasione per sostenere un progetto importante come SOS Scuola di Fondazione Francesca Rava, che affronta con gli strumenti dell’educazione questioni di grande attualità e urgenza, è per noi motivo di vero orgoglio”.

“La Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus è fortemente impegnata per garantire l’inclusione scolastica dei minori più fragili con il progetto SOS Scuola, attraverso la donazione di strumenti per la didattica a distanza, ma soprattutto attraverso la realizzazione di corsi per la digitalizzazione consapevole, a protezione dei minori dai rischi del web, che nell’isolamento sociale rappresentano un’insidia e fonte di gravi disagi, soprattutto tra gli adolescenti e che spesso sfociano in disturbi del sonno, disturbi alimentari e del comportamento, fenomeni in preoccupante aumento. Siamo particolarmente grati ad Allianz Partners per aver scelto di sostenere il progetto SOS Scuola devolvendo 1 euro a fronte di ogni polizza contro i rischi digitali e rendendosi ambasciatori, presso i loro clienti e il grande pubblico, al fianco della Fondazione, a fronte di questa grave emergenza che affligge molte famiglie”, ha commentato Mariavittoria Rava, Presidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento