Assicurazioni e gig economy, un mercato in espansione

assicurazioni on demand

Assicurazioni e gig economy, un mercato in espansione.

In Europa i premi dell’assicurazione auto e moto per i lavoratori della gig economy – soprattutto i modelli on demand o quelli basati sull’utilizzo – cresceranno fino a 5,8 miliardi di euro entro il 2030. A sostenerlo è un’indagine realizzata dalla società di consulenza Ptolemus Consulting Group che ha analizzato il mercato dell’assicurazione di scooter, auto e furgoni utilizzati nel segmento delle consegne dell’ultimo miglio. Lo studio ha evidenziato come la pandemia abbia dato una forte spinta all’economia on demand. Mentre la mobilità personale e quella a lungo raggio è stata limitata a causa delle restrizioni anti contagio, il trasporto merci legato a e-commerce e delivery è aumentato. Basti pensare che Amazon, durante i mesi della pandemia, ha assunto in media 1.400 persone ogni 24 ore. Altre società di altri settori hanno registrato trend di crescita nel 2020, dai corrieri come Dhl, ai servizi di taxi a noleggio come Uber passando per le aziende di delivery come Just Eat o altri e-commerce come Zalando.

Assicurare la mobilità di coloro che lavorano nel comparto della gig economy presenta però molte sfide per gli underwriter: contratti a breve termine, carichi di lavoro imprevedibili, incapacità dei conducenti di permettersi premi elevati e alta frequenza e gravità dei sinistri. La maggior parte degli assicuratori che forniscono coperture rc aziendali e professionali non sono ancora preparati ad un simile scenario. Pertanto, stanno prendendo piede prodotti capaci di soddisfare le esigenze dei gig workers come ad esempio le assicurazioni basate sull’utilizzo o quelle on demand. A questo mercato si stanno rivolgendo compagnie tradizionali (ad esempio Axa) ma anche player insurtech come Zego, Inshur e Qover. “Da quando è iniziata la pandemia Covid-19 – ha affermato Andrew Jackson, direttore della ricerca di Ptolemus – il potenziale di mercato per l’assicurazione on demand che copre le esigenze specifiche della consegna dell’ultimo miglio, è esploso”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento