Assicurazioni, grande entusiasmo per intelligenza artificiale e apprendimento automatico

intelligenza artificiale, assicurazioni

Assicurazioni, grande entusiasmo per intelligenza artificiale e apprendimento automatico.

Per rimanere competitivi in un mercato in continua evoluzione è necessario implementare soluzioni che prevedano l’utilizzo di tecnologie quali l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico. A sostenerlo è una nuova indagine condotta da gruppo RELX che ha intervistato 1.000 dirigenti americani che occupano posizioni di rilievo a livello sanitario, assicurativo, legale, scientifico / medico e bancario.

Secondo l’88% degli intervistati l’IA e l’apprendimento automatico aiuteranno le società ad essere più competitive. Questa consapevolezza non è però sostenuta dai fatti. Solo il 56% delle aziende, infatti, utilizza queste tecnologie. Il 18% dichiara invece di essere pronto ad aumentare gli investimenti in innovazione.

“Le organizzazioni che possono utilizzare con successo le tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per fornire ai loro clienti prodotti migliori e analisi avanzate possono emergere come leader del futuro”, afferma Kumsal Bayazit, presidente del Forum tecnologico del Gruppo RELX.

“Sebbene la consapevolezza di queste tecnologie e dei loro benefici sia più alta che mai, l’approvazione da parte dei principali responsabili delle decisioni non è stata sufficiente per innescare livelli di adozione adeguati”, continua Bayazit.

Lo studio ha dimostrato che l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico stanno avendo un grande impatto nel business delle aziende. Il 69% degli intervistati afferma che le tecnologie hanno avuto un impatto positivo sul loro settore.

L’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale, infine, stanno aiutando a risolvere le sfide automatizzando i processi decisionali (citati dal 40%); migliorare la fidelizzazione dei clienti (36%); e rilevamento di frodi, sprechi e abusi (33%).

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Lascia un commento