Assicurazioni informatiche, cresce l’interesse delle Pmi inglesi a seguito della pandemia

cybersecurity

Assicurazioni informatiche, cresce l’interesse delle Pmi inglesi a seguito della pandemia.

Un terzo delle piccole e medie imprese britanniche è più propenso ad acquistare una copertura informatica a seguito della pandemia Covid-19. E’ quanto emerge da uno studio condotto dalla società di analisi GlobalData. “La maggior propensione all’acquisto di una copertura cyber rappresenta un’opportunità per gli assicuratori per incrementare la penetrazione dei prodotti” afferma Ben Carey-Evans, analista assicurativo della società.

Il tasso di penetrazione delle assicurazioni informatiche tra le Pmi inglesi è ancora molto basso, appena il 12,7% osserva GlobalData. Le Pmi più a rischio sono quelle che lavorano nei settori sanitario, manifatturiero e immobiliare. Il settore sanitario in particolare registra il tasso di penetrazione di coperture cyber più basso tra quelli presi in considerazione (25,9%).

Lo studio di GlobalData segue quello condotto a luglio che evidenziava la possibilità di un aumento degli attacchi informatici a causa della crescita del lavoro a distanza imposto dalle misure anti contagio.
Proprio sui dipendenti che lavorano da remoto si concentrano le preoccupazioni delle aziende. “I truffatori hanno colpito i dipendenti che lavorano da casa con truffe di phishing. Le persone che sono fuori sede e lontane dai colleghi sono più a rischio in quanto hanno meno possibilità di verificare la validità delle mail ricevute” conclude Carey-Evans.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento