Blockchain e Assicurazioni, i progetti avviati in Italia

blockchain

Blockchain e Assicurazioni, i progetti avviati in Italia.

In Italia da tempo è stato avviato un innovativo progetto tecnologico che coniuga il mondo assicurativo e la Blockchain. Si tratta di una delle prime forme di sperimentazione ad ampio raggio a tema intermediazione, fondato sul binomio prodotti assicurativi-Blockchain, che permette, da un lato, “alle imprese di personalizzare la configurazione dei prodotti e di gestire il ciclo di vita della polizza end-to-end in maniera più efficiente e veloce”, e al cliente, dall’altro, di avere la “possibilità di acquistare, in pochi click, un prodotto completamente digitale e innovativo”.

Insomma, un potenziale modello di business che potrebbe rivoluzionare completamente il settore dell’intermediazione assicurativa.

Il progetto, nato grazie alla collaborazione dei suoi promotori, CeTIF, Reply, Ania e IVASS, si pone il duplice obiettivo di “realizzare un prototipo funzionante per toccare con mano le potenzialità della tecnologia” e di “analizzare gli impatti sui processi esistenti e i benefici attesi”. A partecipare alla sperimentazione diverse realtà imprenditoriali, fra compagnie di assicurazione e istituiti bancari, che hanno tentato di creare – riuscendoci – polizze istantanee all’interno del c.d. Insurance Blockchain Sandbox, un “ecosistema” supervisionato e controllato che consente il test dei prodotti e dei servizi assicurativi in via di sperimentazione. In questo caso, si è trattato delle sole polizze di copertura del rischio maltempo, ritardo del volo aereo e smarrimento del bagaglio.

Non è di certo la prima volta che il Sandbox regala soddisfazioni. Infatti, è stato terreno di prova per un precedente progetto, partorito e condotto ancora una volta da Ania, il cui scopo era la creazione di una piattaforma digitale dedicata all’Alternative Dispute Resolution (ADR), un servizio funzionale alla risoluzione delle possibili controversie tra clienti e compagnie in materia di risarcimenti RC Auto, basato su un meccanismo c.d. ad asta cieca. In altre parole, le parti presentavano sulla piattaforma delle proposte economiche di risarcimento che il sistema tentava di contemperare fra loro. Sia in caso di esito positivo che negativo, lo stesso elaborava un modello contrattuale di accettazione o rifiuto, a seconda dei casi.

Ebbene, anche con il recente esperimento su Blockchain i primi risultati non sono di certo mancati, e non potevano che essere positivi. Infatti, “grazie alla digitalizzazione, è stata migliorata la customer experience: il tempo minimo di sottoscrizione è risultato essere di soli 6 minuti, elemento che ha portato a un elevato livello di soddisfazione dei clienti nei confronti della piattaforma e dei prodotti offerti. Per le imprese di assicurazione, è stata stimata, inoltre, nel 60% la riduzione dei costi operativi nella fase di apertura sinistri e liquidazione rispetto a un prodotto assicurativo tradizionale simile”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
FC Law Firm

FC Law Firm

FC Law Firm è uno studio professionale che presta consulenza e assistenza legale a società ed enti. Opera prevalentemente nei settori assicurativo, finanziario e bancario, assistendo il cliente in sede giudiziale e stragiudiziale, nella risoluzione di probelmatiche attinenti al diritto commerciale, societario e della privacy, nella gestione e organizzazione dei sistemi dei controlli interni, nella corporate governance e nella compliance aziendale - segreteria@fclaw.eu.

Lascia un commento