Blockchain, Generali aderisce al progetto B3i

blockchain

Nemmeno due settimane fa, una fonte interna al progetto B3i aveva anticipato l’ingresso all’interno del consorzio che studia la blockchain, di altri big dell’assicurazione. Oggi è arrivata la conferma di quella indiscrezione.

Generali, attraverso un comunicato stampa diramato oggi, ha annunciato di aver aderito alla Blockchain Insurance Industry Initiative B3i di cui fanno parte già 15 player del settore: Achmea, Aegon, Ageas, Allianz, Generali, Hannover Re, Liberty Mutual, MunichRe, RGA, SCOR, SwissRe, Sompo Japan Nipponkoa Insurance, Tokio Marine Holdings, XL Catlin e il Gruppo Zurich Insurance.

“Siamo entusiasti di aver aderito a questa nuova iniziativa e vogliamo parteciparvi attivamente – ha affermato Steve Hales, Head of Connected Insurance del Gruppo Generali – Questo rappresenta un’altra tappa fondamentale a conferma del nostro impegno nel creare valore per i nostri clienti, abbracciando una nuova tecnologia che a sua volta può essere utilizzata per ridurre i rischi e migliorare l’efficienza. L’iniziativa Blockchain è particolarmente significativa nel settore assicurativo, dove lo scambio sicuro ed efficiente di informazioni può trarre vantaggio da nuove tecnologie e applicazioni potenzialmente in grado di sovvertire le regole del gioco. In quanto leader in Europa continentale, siamo convinti della necessità di proseguire il nostro percorso di innovazione per aiutare i clienti di Generali a migliorare e rendere più semplice la loro vita.”

“Crediamo che B3i rappresenti un’iniziativa chiave per il sistema assicurativo e che potrebbe contribuire a una maggiore innovazione del nostro settore e aprire opportunità inesplorate – ha aggiunto Paolo Ribotta, Head of Generali Global Corporate & Commercial del Gruppo Generali – Abbiamo investito nella trasformazione del nostro Global Corporate & Commercial business, in particolare per quanto riguarda i programmi multinazionali, dove la digitalizzazione risulta cruciale per assicurare il più alto livello di servizio ai nostri clienti internazionali. In tutti i settori, i nostri clienti stanno esplorando e investendo in distributed ledger e nella tecnologia smart contract con l’obiettivo di realizzare sinergie end-to-end, integrazione e efficienza. Vogliamo continuare a parlare la loro lingua, guidarli verso una crescita aziendale apportando valore aggiunto al di là della semplice polizza, in modo semplice e intelligente. I clienti stanno cambiando e noi con loro”.

Come già anticipato altre volte, i partecipanti all’iniziativa B3i analizzeranno come le DLT possano rendere più efficiente lo scambio di dati tra compagnie di assicurazione e riassicurazione. Al fine di realizzare una “prova del concetto” (dall’inglese proof of concept, PoC), i partecipanti potranno realizzare un progetto pilota per condividere tra loro le informazioni contenute in contratti di riassicurazione.

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

Classe 1986. Laureato alla Cattolica di Milano in Linguaggi dei Media. Dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano nel 2012 approda a Termometro Politico e l’anno successivo a Smartweek. Nel mentre contribuisce alla realizzazione del magazine insurtech InsurZine. Dal 2016 fa parte dell'ufficio relazioni esterne del Gruppo Galgano.

Lascia un commento