Cambiamento climatico, i rischi che devono affrontare le organizzazioni

cambiamento climatico, climate change

Cambiamento climatico, i rischi che devono affrontare le organizzazioni.

Nel 2019 il World Economic Forum ha inserito i rischi climatici tra i cinque principali rischi globali. Con l’aumento delle temperature, i fenomeni catastrofali si fanno più intensi e frequenti, e possono compromettere la stabilità di interi sistemi economici.

Il Centro Comune di Ricerca (Joint Research Centre, JRC), direzione generale della commissione Europea, in un recente studio, evidenzia i rischi collegati al climate change: “In Europa entro il 2050 il numero delle alluvioni legate al cambiamento climatico potrebbe più che raddoppiare, mentre le perdite economiche potrebbero raggiungere i 24 miliardi di euro l’anno”.

Come mostrano i recenti eventi, anche l’Italia è un territorio particolarmente esposto ai rischi climatici; le alluvioni e le mareggiate che ogni anno travolgono le coste e le località balneari sono una chiara testimonianza. L’impatto dei cambiamenti climatici aggrava l’intensità di fenomeni che, benché pur sempre anomali, sono parte del ciclo naturale del pianeta, ma che ad oggi hanno sempre più spesso conseguenze devastanti. La comunità scientifica ha evidenziato come un continuo aumento delle temperature globali potrà impattare significativamente su frequenza, intensità, estensione territoriale, durata e tempistiche di fenomeni metereologici estremi. Tali effetti possono essere considerati i rischi fisici del cambiamento climatico.

La sfida globale è effettuare una transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al cambiamento climatico e questo impone alle organizzazioni pubbliche e private delle considerazioni approfondite in merito alla sostenibilità e alla resilienza, propria e dei sistemi sociali ed economici nei quali operano.  Questo è ancor più vero se si pensa alla moltitudine di portatori di interessi con i quali quest’ultime interagiscono (es. governi, comunità locali, istituzioni e mercati finanziari, etc.) e alla crescente interconnessione tra le varie realtà a livello internazionale. Partendo da un punto di vista del singolo soggetto economico, il primo passo essenziale è quantificare il modo in cui i cambiamenti climatici avranno un impatto diretto e indiretto sulla propria organizzazione, al fine di costruire soluzioni adeguate a salvaguardare la creazione di valore nel tempo.

Nella sfera dei rischi del cambiamento climatico, oltre a quelli fisici, troviamo i c.d. Transition Risk che comprendono i rischi legati al cambiamento delle policy sul clima (es. in ambito energetico), di responsabilità (es. incremento di litigiosità e richieste di risarcimento da parte di stati, città ed enti non governativi verso aziende considerate inquinanti) e quelli tecnologici (es. connessi al passaggio a tecnologie a basso impatto di emissioni).

Per le organizzazioni pubbliche e private, ulteriori specifici impulsi e motivazioni all’azione provengono da diverse fonti. Basti pensare alla crescente attenzione che il sistema finanziario sta riponendo sul tema; un chiaro esempio è rappresentato dai recenti contributi della BCE allo sviluppo di un quadro analitico per la valutazione del rischio climatico e allo sviluppo di metodi per valutare le esposizioni ai rischi legati al clima sui bilanci degli istituti finanziari. In questo contesto anche la Corporate Social Responsibility (CRS) può innestare un cambiamento consistente.

Degna di nota è sicuramente la Coalition for Climate Resilient Investment – prima iniziativa guidata dal settore finanziario che riunisce oltre 30 organizzazioni lungo la investment value chain per affrontare le sfide della resilienza climatica e che ha come obiettivo quello di trasformare gli investimenti in infrastrutture integrando i rischi climatici nel processo decisionale, spingendo verso un’economia con maggiore resilienza al clima per tutti i paesi, compresi i più vulnerabili.

 Valerio Ceserani, Sales Director di Willis Towers Watson

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Willis Towers Watson

Willis Towers Watson

Willis Towers Watson (NASDAQ: WLTW) è una società leader a livello globale nella consulenza, nel brokeraggio e nell’offerta di soluzioni alle imprese e alle istituzioni di tutto il mondo, al fine di trasformare i rischi in opportunità di crescita. Nata nel 1828, Willis Towers Watson oggi conta 45.000 dipendenti in oltre 140 paesi e mercati.

Lascia un commento