Chatbot e assicurazioni, il dato che arriva dal Regno Unito

chatbot, insurtech

Chatbot e assicurazioni, il dato che arriva dal Regno Unito.

Appena il 6,75% dei siti web delle principali compagnie assicurative britanniche dispone di un chatbot. A dirlo è un’analisi realizzata da Intnt.AI, startup che forma le aziende sull’uso dei chatbot. Dalla ricerca è emerso che, tra le 148 compagnie prese in esame, solo 10 utilizzano l’intelligenza artificiale per supportare le richieste dei clienti. Di queste dieci, il 70% ha uno strumento basato su IA in grado di rispondere in modo intelligenze a qualsiasi frase digitata dal cliente. Il restante 30% ha invece un chatbot che presenta al cliente opzioni multiple di scelta per descrivere la loro query. Delle compagnie senza chatbot, il 7,81% ha una funzione di sola chat dal vivo mentre il 24,2% ha un semplice modulo di contatto online. Secondo gli esperti di Intnt.AI, lo scarso utilizzo del chatbot è dovuto agli alti tassi di risposte errate (35%) registrati fino ad oggi dalle soluzioni in commercio. “La tecnologia IA in sviluppo oggi – scrive la società – risponde alle aspettative delle società e dei clienti. I secoli bui dell’usabilità dei chatbot stanno finalmente per finire”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento