Covid-19, Donnet (Generali): “Serve fondo per le pandemie”

covid-19, pandemia

Covid-19, Donnet (Generali): “Serve fondo per le pandemie”.

Dopo Gabriel Bernardino, presidente dell’Eiopa (l’authority europea sulle assicurazioni), anche Philippe Donnet, amministratore delegato delle Assicurazioni Generali rilancia uno schema pubblico privato per coprire i danni delle pandemie. Lo fa in un’intervista al Sole 24 Ore in cui spiega che “occorre trovare soluzioni nuove. Tutti insieme, aziende, governi e regolatori devono lavorare a soluzioni non solo per l’immediato ma per il futuro, per affrontare con efficacia la prossima, eventuale pandemia”.

La soluzione sta nella creazione “di un fondo per le pandemie – aggiunge Donnet – È una opportunità unica e aiuterà a ritrovare lo spirito che ha caratterizzato la costruzione dell’Unione europea. Proprio perché le pandemie non si fermano alle frontiere, non possiamo limitarci a soluzioni soprattutto nazionali”.

Le assicurazioni, continua, “non possono coprire da sole tutti i danni legati ad una pandemia, anche perché hanno caratteristiche che non rientrano nei principi di assicurabilità del rischio che sono alla base delle coperture assicurative. Questo significa che il fondo richiederà necessariamente partnership pubbliche-private senza precedenti, con il coinvolgimento dell’industria, dei governi e delle istituzioni europee”.

Uno scenario che ricalca quello dipinto pochi giorni fa dal presidente dell’Eiopa che in un’intervista a Insurance Journal aveva detto: “Se vogliamo realmente costruire società più resistenti a situazioni simili a questa pandemia abbiamo bisogno di porre in essere meccanismi di copertura. E, per essere onesti, credo che questo si possibile soltanto combinando assieme elementi pubblici e privati”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento