Covid-19, l’impatto dei rischi legati al luogo di lavoro e alla filiera nel settore energetico

energie rinnovabili

Covid-19, l’impatto dei rischi legati al luogo di lavoro e alla filiera nel settore energetico.

Le pressioni sulla disponibilità della forza lavoro e sul mantenimento della filiera derivanti da Covid-19 si stanno rivelando una sfida per il settore energetico. A dirlo è Willis Towers Watson in occasione del lancio del report Power Market Review. Inoltre, la crescente attenzione per la finanza sostenibile (Environmental, Social, Governance – ESG) sta avendo un impatto significativo sulle future strategie di gestione del rischio nel settore energetico.

Il report descrive come la pandemia Covid-19 presenti alcuni rischi unici per il settore energetico che devono essere gestiti in modo efficace per mantenere un approvvigionamento affidabile. Alcuni rischi chiave come la riduzione delle richieste di energia elettrica, le moratorie sui progetti di costruzione, la disponibilità di personale e le restrizioni di viaggio hanno un impatto sull’accesso agli asset operativi per la manutenzione. Tuttavia, alcuni hanno approfittato della diminuzione della domanda di energia elettrica e della riduzione dei prezzi per far avanzare proattivamente le operazioni di manutenzione programmata, contrariamente alle aspettative degli assicuratori.

Inoltre, la crescente importanza dell’ESG e l’orizzonte incerto del rischio climatico costituiscono un tema chiave del report che evidenzia come la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio richieda una fondamentale rivalutazione del rischio nel settore energetico. La Review mostra che il raggiungimento di un rating ESG soddisfacente sarà fondamentale per consentire alle aziende energetiche di attrarre e mantenere il supporto dei principali stakeholder in futuro.

“In questo periodo senza precedenti e caratterizzato da incertezza, la questione del Covid-19 è rimasta in cima a tutte le nostre priorità, mentre l’industria energetica e i suoi stakeholder iniziano ad analizzare gli effetti sui loro bilanci e sul loro panorama di rischio complessivo – ha affermato Claudio Ades, Chairman Willis Towers Watson in Italia.

Eva Mariani, Energy Practice Leader di Willis Towers Watson ha aggiunto: “Mentre il settore della produzione di energia e i suoi partner assicurativi si adeguano al mantenimento delle attività durante la pandemia COVID-19, tutte le parti devono rimanere disciplinate nella valutazione e nella gestione dei rischi. I rischi amplificati dalla pandemia, tra cui la disponibilità del personale di supporto dell’impianto e dei fornitori e qualsiasi interruzione delle attività operative e di manutenzione, dovrebbero essere gestiti con l’obiettivo comune di garantire l’affidabilità dell’impianto. In un momento in cui le risorse degli impianti potrebbero essere limitate, le comunicazioni aperte e trasparenti con i consulenti in materia di rischio assicurativo dovrebbero essere sfruttate a vantaggio di tutti”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento