Cybersecurity, la startup milanese CybeRefund raccoglie 900.000 euro

Gianluca Mandotti, cybersecurity

Cybersecurity, la startup milanese CybeRefund raccoglie 900.000 euro.

CybeRefund, startup milanese e società benefit specializzata in difesa e risarcimento contro gli attacchi informatici, ha concluso la prima fase di investimenti per un importo pari a 900.000 euro, includendo nel round di fine agosto il finanziamento convertibile da parte di Gruppo Intesa Sanpaolo destinato a supportare l’azienda nell’accelerazione del suo percorso di crescita.

“La fiducia accordataci da un investitore di primo piano come Intesa Sanpaolo ci incoraggia e ci garantisce la possibilità di render merito ai nostri obiettivi di sviluppo previsti per il breve e lungo periodo – dichiara Gianluca Mandotti, Ceo di CybeRefund – dal supporto socialmente responsabile, alla messa a punto di nuove tecnologie e prodotti specifici, fino agli educational tool volti ad aumentare la consapevolezza del rischio informatico, il tutto offerto a costi accessibili a tutti”.

Cybersecurity, crescono gli attacchi informatici

La cyber security appare un tema sempre più avvertito, tanto da rientrare negli interventi previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Negli ultimi 4 anni, infatti, il trend di crescita degli attacchi informatici è stato pressoché costante, con un aumento di quelli gravi del +66% rispetto al 2017.

I servizi di CybeRefund

CybeRefund ha messo a punto NautiLux, servizio rivolto ai privati e alle aziende in ambito welfare con elementi di prevenzione educativi e formativi, un algoritmo di monitoraggio web sempre attivo compreso in un unico abbonamento mensile, con controllo continuo web dei dati personali e bancari degli utenti e l’assistenza legale compresa nell’assicurazione contro il furto d’identità e i rischi online. DAS Compagnia di Generali Italia e Yolo Group sono i partner assicurativi scelti per la polizza su misura inclusa in NautiLux.

Come società benefit, CybeRefund afferma “di impegnarsi a fornire strumenti e servizi di facile accessibilità affinché tutti possano avere l’opportunità di comprendere, prevenire e contrastare i rischi online”. Entro fine anno supporterà la realizzazione di progetti di scuole o ospedali in Sud Africa e Sud America.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Lascia un commento