Finanza comportamentale e economia comportamentale: che cosa sono?

economia comportamentale

Finanza comportamentale e economia comportamentale: che cosa sono?

In questa rubrica mensile tratteremo dei principali temi della Finanza e della Economia Comportamentale riportando di volta in volta gli aspetti più intriganti e gli autori che determinano e descrivono il nostro comportamento nelle decisioni di consumo e risparmio, nonché della protezione della nostra felicità evidenziando l’irrazionalità delle nostre scelte e i pungoli per cercare di essere più razionali di quanto non lo saremmo altrimenti.

Partiremo dagli studi di chi ha vinto il premio Nobel – Kahneman e Thaler -, ma  sarà solo l’inizio, perché tanti sono i gli autori che hanno offerto il loro contributo a questo nuovo modo di interpretare il nostro comportamento economico e il rapporto che abbiamo con i soldi.

Nel 2002 vinse il Premio Nobel per l’economia Daniel Kahneman per i suoi studi elaborati insieme ad Amos Tversky (entrambi psicologi) riguardo la Finanza Comportamentale e in particolare con la pubblicazione – Prospect Theory – elaborarono un’analisi in cui si evidenzia la difficoltà di prendere le corrette decisioni in condizioni di incertezza e di rischio.
Il loro contributo alle scienze economiche è considerato sperimentale perché si basa per lo più su indagini statistiche e questionari  sottoposti a diverse categorie di individui per capirne il comportamento nelle scelte e cercando una spiegazione a queste dai risvolti psicologici piuttosto che matematici.

Richard Thaler, premio Nobel per l’economia nel 2017, non è uno psicologo, ma si può affermare che ha psicoanalizzato l’economia perché ha elaborato dei modelli, sempre mediante sperimenti, indagini e questionari, alternativi  a quelli elaborati dalla teoria economica standard. I suoi studi sono una critica all’idea dell’uomo razionale, capace di prendere sempre la decisione più massimizzante riguardo l’utilità della scelta.
Il suo contributo si aggiunge a quello dei suoi precedenti colleghi per l’introduzione del concetto di  soggettività delle scelte, e va oltre, nel tentativo di riuscire a trovare delle motivazioni o pungoli, in grado di aiutarci a prendere la decisione più corretta nel rispetto del libero mercato, senza costrizioni o regole imposte dalle autorità.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Michele Clementi

Michele Clementi

Michele Clementi, dopo circa 15 anni di consulenza finanziaria per Azimut, ha deciso di lasciare la vendita e si è dedicato interamente a quella che era fino a quel momento una passione: la formazione. Professore a contratto presso l’Università di Bologna Facoltà di Statistica e docente professionista per i principali istituti di credito dal 2004, per materie finanziarie, assicurative e comportamentali

Lascia un commento