Frodi assicurative, l’insurtech può aiutare a contrastarle

soluzione antifrode, frodi assicurative

Frodi assicurative, l’insurtech può aiutare a contrastarle.

L’Italia è un paese costoso, cosa chiara a tutti, soprattutto a chi – vivendo nelle metropoli – si confronta quotidianamente con spese spesso esorbitanti rispetto al bene o al servizio acquistati. Tale trend non risparmia neanche il mondo dell’insurance, come ha rilevato Milena Gabanelli nella propria rubrica scientifico-divulgativa Dataroom del 1° marzo, distribuita online da Corriere.it e trasmessa anche su TGLa7.

Sulla base di un Rapporto IVASS, scrive la giornalista, si stima che nel nostro Paese una polizza RC Auto costi in media circa 100 euro in più rispetto a prodotti speculari distribuiti in altre realtà europee, e ciò è “l’effetto del ricarico imposto dalle compagnie assicurative per difendersi dalle truffe. Con 42,1 milioni di veicoli assicurati il conto per il Paese è di 4,2 miliardi. Un salasso che mina la nostra competitività” (corriere.it/dataroom).

Vero è che tale gap è dovuto anche a infrastrutture pietose, arterie stradali scadenti e a un maggior numero di sinistri; ma non bisogna dimenticare che una sua buona parte è causata dall’alto tasso di frodi e truffe che intasano la macchina giudiziaria. “Un sistema predatorio e subdolo” – come quello messo in atto dal clan Contini di Napoli – “nutrito da una schiera di professionisti a libro paga delle organizzazioni mafiose, che hanno costruito un indotto sofisticatissimo a basso rischio giudiziario e ad alto rendimento. […]. Medici che fabbricano referti falsi. Periti che certificano incidenti mai avvenuti. Finti testimoni che giurano di aver visto una macchina accartocciarsi o un pedone investito sulle strisce, dopo essere stati remunerati con apposito prezzario stabilito dai capizona della Camorra”.

La perversione del sistema riesce anche a ingannare gli uffici antifrode delle compagnie assicurative, i quali però, a loro discolpa, non possono accedere “all’archivio integrato (Aia) che mette insieme le banche dati di tutti gli incidenti sospetti, testimoni ricorrenti e la filiera della criminalità”, perché ad oggi non ancora operativo.

In questo impasse sociale e giuridico, una soluzione è offerta dall’Insurtech. Di recente, la componente tecnologica è entrata prepotentemente nel mondo assicurativo, proponendo soluzioni che spesso hanno influenzato la filosofia imprenditoriale di imprese e distributori. Basti pensare, su tutti, alla statunitense Lemonade, che si sta affermando quale vero e proprio leader di tale trend.

In che modo e misura, tuttavia, l’Insurtech e la tecnologia in generale possono arginare pratiche truffaldine e illegali come quelle accennate? Per rispondere basterà citare solo alcuni esempi.

Un primo lampante caso è la start-up Shift Technology, la quale sfrutta forme di intelligenza artificiale da essa stessa create per rilevare attività fraudolente per le compagnie assicurative, automatizzando al contempo gran parte del processo di reclamo, solitamente lungo e impegnativo. Gli “attrezzi del mestiere” impiegati, il prodotto ribattezzato “FORCE”, hanno analizzato sin dalla loro creazione e commercializzazione centinaia di milioni di reclami, rilevando in circa il 75% dei suddetti un’attività potenzialmente fraudolenta.

Volendo allargare la prospettiva a settori diversi ma affini, quali quello dell’assistenza sanitaria, troviamo società di software come Azati, che ha sviluppato un algoritmo capace di analizzare un ampio paniere di pratiche per identificare possibili attività fraudolente in misura notevolmente più accurata rispetto ai tradizionali procedimenti tutt’oggi in essere.

Insomma, le chance non mancano; basta solo saperle cogliere.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
FC Law Firm

FC Law Firm

FC Law Firm è uno studio professionale che presta consulenza e assistenza legale a società ed enti. Opera prevalentemente nei settori assicurativo, finanziario e bancario, assistendo il cliente in sede giudiziale e stragiudiziale, nella risoluzione di probelmatiche attinenti al diritto commerciale, societario e della privacy, nella gestione e organizzazione dei sistemi dei controlli interni, nella corporate governance e nella compliance aziendale - segreteria@fclaw.eu.

Lascia un commento