HDI lancia app per valutare i rischi da remoto

hdi remote, ispezioni

HDI lancia app per valutare i rischi da remoto.

I mesi precedenti sono stati caratterizzati da una vasta gamma di restrizioni ai contatti e ai viaggi e sia la vita quotidiana che il mondo del lavoro sono stati notevolmente modificati dalla pandemia. Allo stesso tempo, la digitalizzazione ha fatto enormi passi avanti. Sebbene molti processi di lavoro siano stati complicati dalle nuove circostanze, sono stati sviluppati metodi di lavoro innovativi, aprendo nuovi orizzonti. Una nuova parola d’ordine in questo contesto è “remoto”.

In risposta a questo nuovo contesto, l’assicuratore industriale HDI Global ha creato una nuova soluzione per i processi di lavoro a distanza basati su tecnologia digitale.

Insieme a una startup tedesca, HDI Risk Consulting (HRC) ha sviluppato la nuova app HDI Remote che consente di condurre indagini di rischio virtuali per i clienti HDI senza impiegare personale fisico sul campo. Ciò consente alle procedure di valutazione del rischio di svolgersi in situazioni in cui pandemie o disordini politici rendono impossibile l’accesso diretto o dove problemi di sicurezza o la lontananza di un luogo impediscono il viaggio utilizzando un ambiente interattivo in tempo reale.

L’app HDI Remote, fa sapere la compagnia, è certificata in conformità con ISO/IEC 27001 il che garantisce la soddisfazione di tutti i requisiti di protezione e sicurezza dei dati pertinenti.

Come funziona?

L’app HRC Remote consente agli ingegneri del rischio HRC di eseguire indagini in loco in remoto utilizzando la fotocamera e le funzionalità audio di un tipico dispositivo mobile o data glasses utilizzati dal cliente. Collegandosi tramite la piattaforma di HDI, gli ingegneri del rischio possono vedere ciò che vede il cliente e guidarlo in modo appropriato anche quando non sono fisicamente presenti, combinando le competenze ingegneristiche con il supporto remoto basato sulla realtà aumentata.

L’app HRC Remote consente in questo modo di fornire una guida remota avanzata, collegando visivamente specialisti, tecnici e ingegneri del rischio.

Diverse le possibili applicazioni per l’app. Queste possono variare da: consulenza in un cantiere, valutazione di un’attività di trasporto o carico, esecuzione di una classica perizia immobiliare.

“Costruire relazioni a lungo termine con i nostri clienti rafforzando i contatti personali e fornendo soluzioni di consulenza e supporto su misura rimane una priorità assoluta per noi”, sottolinea Oliver U. Vogel di HDI Risk Consulting. “L’opzione di rilevamento remoto non intende in alcun modo sostituire le ispezioni in loco, ma piuttosto integrarle come servizio aggiuntivo”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento