I quattro assi per migliorare la redditività delle compagnie assicurative

redditività

I quattro assi per migliorare la redditività delle compagnie assicurative.

Il settore assicurativo è immerso in un processo di trasformazione accelerato da un contesto sempre più competitivo. In questo nuovo scenario, le operations giocano un ruolo fondamentale affinché le compagnie possano adattarsi alle richieste dei clienti.

Gli assicurati chiedono sempre più prodotti adattati alle proprie circostanze di vita che anticipino le esigenze, con canali di ascolto agili e intuitivi, e disponibilità continua per soddisfare le richieste in real time. Tutto questo con la trasparenza necessaria per “umanizzare” le polizze assicurative, comprendendo le necessità dei clienti e migliorando la customer experience.

“Queste nuove esigenze stanno trasformando i modelli operativi tradizionali per lasciare il posto a nuovi modelli basati su un ecosistema di prodotti e servizi che, attraverso i canali appropriati, possono aumentare il valore percepito dai clienti”, spiega Elena Pablos, Global Director of Insurance di Minsait, una società Indra.

Il business assicurativo è stato, finora, più orientato alle interazioni con clienti, broker e professionisti (front-office). Per fare un esempio, il lockdown ha spinto i consumatori italiani verso nuovi servizi digitali, facendone aumentare l’utilizzo. Secondo l’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano, infatti, il 41% del totale degli utilizzatori di servizi di telemedicina ha dichiarato di averne incrementato l’uso proprio durante il lockdown. Anche il robo-advisoring ha ricevuto un boost significativo in Italia guadagnando il 35% di nuovi utenti.

La prossima sfida, oltre al consolidamento della crescita riguardante i servizi di front-office, riguarda inesorabilmente la digitalizzazione delle operations, principale next-step che il settore dovrà affrontare. Il business assicurativo dovrà focalizzare l’attenzione sull’architettura tecnologica e sui processi di back-office.

Per affrontare questa sfida, Minsait propone una metodologia innovativa denominata Take-off Insurance. Si tratta di un framework utile a guidare le assicurazioni nel “decollo” e nell’evoluzione di un approccio di pieno controllo dei processi assicurativi core, dal “cosa fanno” fino al “come lo fanno” e “quanto costa”.

“Questo piano d’azione è supportato da un approccio “Control Tower” volto a monitorare, valutare, mappare e migliorare i processi lungo tutta la catena del valore. Include l’uso di tecnologie di Big Data e Intelligenza Artificiale che, insieme alle tecniche di Process Minining, facilitano l’identificazione delle inefficienze estraendo la conoscenza dai registri disponibili nei sistemi informativi”, spiega Elena Pablos.

Un nuovo quadro metodologico e tecnologico per raggiungere i risultati desiderati. “Non si tratta di migliorare i processi a partire da una tecnologia specifica, ma di stabilire una metodologia che aiuti ad identificare la migliore tecnologia per ottimizzare un processo specifico”, chiarisce la manager.

L’impatto

In quest’ottica, l’automazione e la robotizzazione dei processi di una compagnia assicurativa leader nel settore sanitario ha permesso, grazie alla guida di Minsait, di ridurre del 65% il tempo medio delle operazioni automatizzate, dai 7 minuti richiesti dal processo manuale agli attuali 2,5 minuti, così come un aumento del 70% nella verifica sistematizzata delle comunicazioni ai clienti sui premi assicurativi.

Inoltre, Minsait, in questo settore detiene soluzioni proprietarie che hanno un profondo impatto sulla customer experience. Secondo i dati della società, la soluzione Minsait di contrattazione virtuale della polizza auto ha permesso di ridurre fino al 75% il numero di domande poste per completare questa specifica procedura, o, in altre parole, di ridurre il tempo medio speso per questo processo da 9 minuti a 1 minuto.

D’altra parte, la segmentazione avanzata ha contribuito a un miglioramento del 10% nella realizzazione degli obiettivi di cross-selling e di acquisizione di clienti negli uffici delle compagnie di assicurazione, oltre a raddoppiare l’efficacia delle campagne di marketing. 

E tutto questo senza dimenticare l’aggiornamento della tecnologia funzionale a sfruttare appieno i vantaggi del Cloud. Secondo l’esperienza di Minsait, lo sviluppo di piattaforme di analisi avanzate in cloud può ridurre i costi dell’infrastruttura tecnologica di oltre il 20% e il tempo necessario per ottenere valore da un caso d’uso dell’80%.

“Per raggiungere la totalità di obiettivi, si rende prima necessario stabilire un framework completo che tenga conto dei vari approcci che permettono di migliorare i processi. In Minsait raccogliamo queste azioni in un modello che insiste su quattro azioni: Anticipare, Automatizzare, Amplificare e Aggiornare”, spiega Adriano Gerardelli, responsabile Financial Services di Minsait in Italia.

“L’obiettivo – afferma Gerardelli – è quello di razionalizzare le operations attraverso l’analisi e l’ottimizzazione delle sacche di inefficienza, la robotizzazione dei processi per ridurre i costi e aumentare la scalabilità produttiva, l’empowerment degli strumenti a disposizione di dipendenti, clienti e partner per aumentarne la produttività, trasformando così il business, la tecnologia e la cultura in modo trasversale”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento