Il futuro? Prevedere i rischi grazie ai social data

carpe-data

Social Intelligence, fornitore di strumenti di valutazione del rischio dei social media, ha annunciato il rilascio di uno spin-off, Carpe Data, che fornirà analisi predittive per assicurazioni P&C e vita.

Carpe Data si rivolge a quella fetta di assicuratori in continuo aumento che ha bisogno di trovare risultati predittivi sfruttando i dati provenienti dai social, dai contenuti online, dalle tecnologie indossabili e dai connected devices. I prodotti di Carpe Data consentono all’assicuratore di prevedere con maggiore precisione i rischi.

“Siamo molto contenti di offrire questa nuova categoria di big data agli assicuratori – ha detto Max Drucker, Ceo di Carpe Data – I social e le altre tecnologie hanno raggiunto una massa critica notevole. I nostri servizi saranno un’alternativa meno costosa e più accurata di quelli presenti ora sul mercato”.

Un mercato, quello dei dati del settore assicurativo, che si aggira intorno ai 17 miliardi di dollari. Fino ad oggi, gli assicuratori hanno fatto affidamento a dati provenienti da punteggi di credito, registri pubblici, banche dati proprietarie, ispezioni e altre forme di informazioni esterne per la valutazione dei rischi. Purtroppo, molte di queste soluzioni non hanno tenuto il passo del cambiamento delle abitudini di consumo soprattutto dei Millennials. Valutare il rischio con precisione è diventato quindi sempre più difficile.

“Carpe Data – ha affermato Bianca Lager, General Manager di Social Intelligence – permetterà alla nostra azienda di continuare con la propria mission che è quella di aggregare, analizzare e fornire social data alle aziende che vogliono assumere”.

Secondo il Towers Watson report del 2016, attualmente solo il 42% delle Compagnie di assicurazione utilizza i big data nei processi di pricing, di sottoscrizione e di selezione dei rischi. In due anni, la percentuale salirà però al 77%.

carpe-data

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

E’ il Direttore Responsabile di Insurzine. Ha collaborato in passato con le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano. Si occupa di sondaggi per Termometro Politico. Ha contribuito alla realizzazione del magazine di informazione online Smartweek. Lavora all’interno dell’ufficio stampa del Gruppo Galgano.

Lascia un commento