Il rischio Cyber ha un impatto sulle pratiche di risk management delle imprese di assicurazione

assicurazione cyber, information security

Il rischio Cyber ha un impatto sulle pratiche di risk management delle imprese di assicurazione.

Il 77,1% delle imprese di assicurazioni italiane ha dichiarato di avere un’esposizione di livello intermedio ad attacchi di tipo informatico. Oltre il 90% ha dichiarato di includere il rischio cyber nelle pratiche di risk management come una categoria di rischio a sé stante. È quanto emerge da un’indagine realizzata nel mese di novembre 2020 da Ania per analizzare l’impatto del rischio Cyber sul settore assicurativo. Hanno risposto al questionario 35 imprese, pari a circa il 40% dei premi raccolti nel 2019 nei settori Vita e Danni.

Dallo studio è emerso che poco più del 60% delle compagnie del campione ha subito un attacco, o un tentativo di attacco, negli ultimi 5 anni. La maggior parte di questi sono stati senza conseguenze. Tra le tipologie di attacco più frequenti ci sono stati attacchi pishing (77,1%), eventi ascrivibili ad attacchi subiti da parti terze (51,4%), malware (65,7%) e ramsonware (37,1%). Per oltre il 50% del campione intervistato l’adozione massiccia dello smartworking a causa della pandemia potrebbe aver aumentato la vulnerabilità del sistema rispetto alla minaccia Cyber, con il conseguente incremento di attacchi.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento