Insurtech, AGCS e Praedicat estendono la loro partnership

insurtech, agcs praedicat

Insurtech, AGCS e Praedicat estendono la loro partnership.

Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS), l’assicuratore del rischio industriale del gruppo Allianz, e Praedicat, una startup insurtech con sede a Los Angeles, hanno annunciato l’estensione della loro partnership (iniziata nel 2014) per fornire uno strumento di analisi unico per gli assicurati. Concretamente, i clienti beneficeranno dell’accesso alla soluzione software di Praedicat, ChemMeta, che fornisce una vigilanza scientifica e normativa per i produttori.

Insurtech, che cosa fa ChemMeta

ChemMeta aiuta i produttori e le aziende che utilizzano prodotti chimici a ridurre i rischi per la sicurezza del prodotto. Basandosi sulle ultime pubblicazioni scientifiche sottoposte a revisione paritaria e sulle analisi dei rischi, ChemMeta fornisce alle aziende informazioni personalizzate su migliaia di sostanze chimiche e materiali. Si tratta di aiutarli a prendere le decisioni migliori in funzioni critiche: gestione dei prodotti, ricerca e sviluppo, gestione dei rischi aziendali, ambiente, salute e sicurezza, affari legali.

“Fornendo l’accesso a ChemMeta con la nostra offerta di assicurazione sulla responsabilità civile dei prodotti, aiutiamo i nostri clienti a ottimizzare la sicurezza dei loro prodotti e processi di produzione, bilanciando innovazione e rischio”, spiega Hartmut Mai, direttore della sottoscrizione presso AGCS. “I clienti che scelgono di usare ChemMeta avranno una migliore comprensione di quali sostanze possono avere un impatto negativo sulla salute e sul benessere, o di intraprendere successivamente azioni per non conformità. Saranno in grado di proteggersi meglio. Ancora una volta, stiamo aggiungendo alla nostra offerta di prodotti servizi di gestione dei rischi strategici che aiutano a evitare o mitigare potenziali perdite”.

“La scienza di oggi è la regolazione di domani, quindi ChemMeta utilizza l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per esaminare, analizzare e sintetizzare dati da milioni di riviste scientifiche per identificare i rischi” dice Robert Reville, direttore generale di Praedicat. “L’individuazione di segnali di allarme mediante lo sfruttamento su ampia scala della letteratura tecnica consente alle aziende di prendere decisioni proattive sui prodotti. ”

Insurtech, comprendere i rischi emergenti in ambito produzione

Comprendere i rischi emergenti legati ai processi di produzione è particolarmente importante nei settori chimico, farmaceutico e alimentare e delle bevande. Più in generale, è utile per qualsiasi azienda che produce o utilizza sostanze chimiche nella propria catena del valore.

Le grandi aziende dei settori più interessati possono impiegare fino a un centinaio di scienziati per l’analisi di pubblicazioni scientifiche. Il loro campo di attività, tuttavia, è spesso limitato dall’analisi manuale e, pertanto, solo un piccolo numero di articoli può essere studiato in profondità. Nelle piccole e medie imprese, le risorse sono ancora più limitate. Infine, i dati e le informazioni continuano ad aumentare con la digitalizzazione. Per valutare globalmente prodotti o componenti chimici all’interno di un’azienda, è quindi essenziale un approccio su larga scala.

Insurtech, la trasformazione della Rc Prodotto

“Prendi DEHP, uno degli ftalati più utilizzati, principalmente come additivo in plastica. Oltre 3.500 articoli scientifici su DEHP sono stati pubblicati in tutto il mondo, tra cui oltre 200 solo nell’ultimo anno” spiega Reville. “Grazie alla capacità analitica di ChemMeta e alle competenze dei team interni, i clienti possono aumentare significativamente le loro attività di ricerca. Possono tenere traccia di tutte le sostanze chimiche nel loro portafoglio sul ciclo di vita del prodotto, classificare i componenti in base alla loro criticità e identificare più facilmente le sostanze che possono essere sostituite, se necessario. Con questa partnership – conclude Reville – l’assicurazione responsabilità prodotto diventa garanzia di gestione del prodotto”.

 

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento