Insurtech, l’86% degli assicuratori ha paura di perdere ricavi a causa delle startup

insurtech, soldi

Insurtech, l’86% degli assicuratori ha paura di perdere ricavi a causa delle startup tech.

L’insurtech? Più un danno che un vantaggio. A pensarlo è il 56% degli assicuratori che, in un sondaggio condotto da PwC, afferma di aver paura di vedere le proprie entrate calare a causa della concorrenza delle startup insurtech. Il calo stimato, in questo caso, gravita intorno al 20%. Il 10%, addirittura, individua nel 40% la fetta di mercato persa per lo stesso motivo.

Nonostante questa paura, il 52% degli assicuratori considera l’innovazione un’area importante per le proprie strategie di business.

Insurtech, aumentano gli investimenti nelle tecnologie

PwC sottolinea come nell’ultimo anno la percezione dell’insurtech tra i player tradizionali sia cambiata. Le compagnie stanno sempre di più collaborando con le startup tecnologiche per rispondere alle sfide e alle richieste dei clienti.

Non è un caso quindi se l’84% degli intervistati affermi di prevedere nel prossimo anno maggiori investimenti nell’analisi dei dati.

Insurtech, ecco le aree in cui innovare

Per la maggior parte degli assicuratori (94%) miglioramento della customer experience e realizzazione di rischi più vantaggiosi per i clienti, sono le aree in cui innovare grazie alla tecnologia. Il 63% si dice invece preoccupato per regolamentazione e privacy dei dati.

Secondo lo studio, le startup insurtech possono aiutare gli assicuratori ad utilizzare i dati per passare ad un modello predittivo, oltre a fornire polizze pay as you go. Inoltre l’uso dell’intelligenza artificiale consentirà agli assicuratori di concentrarsi su decisioni più complesse.

Insurtech, problema competenze

L’87% degli intervistati ha inoltre affermato di aver difficoltà nel trovare persone dotate delle competenze necessarie per innovare. Questo costringe le Compagnie a rivolgersi alle startup per stringere partnership.

Infine, stando al report, gli assicuratori stanno cominciando a pensare che la tecnologia Blockchain verrà adottata da tutto il sistema.

“Il mondo assicurativo – afferma Stephen O’Hearn  global insurance leader di PwC – è sempre stato un’industria basata sui dati. E’ incoraggiante vedere investimenti per migliorare l’analisi dei dati”. “Indubbiamente – conclude – gli assicuratori hanno ancora le loro riserve ma il trend sta cambiando”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook e Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Lascia un commento