Insurtech, assicurazione auto a guida autonoma: il caso Trinity Lane

guida autonoma, insurtech, auto senza conducente, insurtech

Insurtech, assicurazione auto a guida autonoma: il caso Trinity Lane.

Secondo uno studio KPMGentro il 2050 le auto a guida autonoma, il car sharing e lo spostamento della responsabilità nei confronti dei costruttori, ridurranno il mercato delle assicurazioni auto del 70%, pari a 137 miliardi di dollari. Come è facile prevedere, con l’avvento di nuove tecnologie nasceranno nuovi prodotti assicurativi.

Alcune compagnie si sono mosse per tempo e hanno realizzato delle coperture ad hoc per le auto senza conducente. Tra queste spicca Trinity Lane. Secondo quanto riporta Studiocataldi.it, la compagnia inglese “ha predisposto un testo di polizza rivolto specificatamente ai veicoli driverless.

Il riferimento esplicito alle caratteristiche proprie dei veicoli autonomi emerge nella Section 1 rubricata “Liability to others” del Driveless Policy Document elaborato dalla Compagnia britannica ove la clausola “driverless mode”specifica che sono ulteriormente coperti da assicurazione I) i danni o le perdite causati da problemi nell’installazione del patch di sicurezza, del firewall, o degli aggiornamenti del sistema operativo (entro 24 ore da quando segnalati dal costruttore o dal fornitore del software); II) i danni o le perdite causati da problemi nell’installazione delle mappe elettroniche e nella programmazione di viaggio(entro 24 ore da quando segnalati dal costruttore o dal fornitore del software); III) i danni o le perdite causati da malfunzionamento o interruzioni del segnale satellitare che influiscano sul sistema di navigazione; IV) danni o perdite causate da malfunzionamento del sistema operativo o del software autorizzato; V) i danni o le perdite derivanti dal non essere riusciti ad evitare una collisione o un incidente, in caso di malfunzionamento meccanico o del sistema operativo o di navigazione, pur potendo utilizzare il controllo manuale.

Anche la Section 6 “Fire and theft cover” prende in considerazione le qualità dei veicoli driverless offrendo copertura assicurativa in caso di perdite o danni al veicolo provocati, oltre che da incendio, furto o tentato furto, anche dal tentativo di hackeraggio o dall’hackeraggio stesso del sistema operativo, del software autorizzato o del sistema di navigazione.

 

 

Seguici sui nostri canali social: Facebook e Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento