Insurtech, Bright Health pronta al debutto in Borsa

bright health, insurtech

Insurtech, Bright Health pronta al debutto in Borsa.

Dopo Clover Health e Oscar Health, un’altra insurtech attiva nel settore sanitario è pronta a debuttare in Borsa. Si tratta di Bright Health Group, società con sede a Minneapolis. L’insurtech ha annunciato di aver depositato i documenti per il lancio della sua Ipo presso la Sec.

Bright Health Group deve ancora determinare il numero di azioni e la fascia di prezzo per la sua Ipo, ma secondo il suo modulo di registrazione, sta cercando di raccogliere fino a 100 milioni di dollari. In realtà l’obiettivo è più ambizioso: la società, secondo fonti vicine al dossier, mira a raccogliere 1 miliardo di dollari. L’insurtech prevede di quotarsi alla Borsa di New York con il simbolo “BHG”. JP Morgan, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Barclays, BofA Securities, Citi e Piper Sandler sono i bookrunner dell’accordo.

Chi è e che cosa fa Bright Health Group

Bright Health Group ha due attività: Bright Healthcare e NeueHealth. La prima è una piattaforma insurtech che opera in 14 stati statunitensi e offre piani individuali, familiari e Medicare Advantage. Nel modulo di registrazione si legge che questa attività serve 623.000 consumatori, inclusi circa 515.000 consumatori commerciali e circa 108.000 consumatori Medicare Advantage. La seconda mette in contatto fornitori e payers per consentire un’assistenza basata sul valore. Sempre stando ai moduli presentati dall’insurtech alla Sec, ad aprile 2021, NeueHealth gestisce 28 cliniche di cure primarie a rischio che forniscono servizi a quasi 75.000 pazienti unici.

I numeri della società sono buoni: ad oggi Bright Health Group dichiara di aver generato oltre 1,2 miliardi di dollari dentrate durante il 2020, e oltre 874,6 milioni nel primo trimestre del 2021. Il suo valore è confermato dagli ingenti finanziamenti finora raccolti: lo scorso autunno ha ottenuto 500 milioni di dollari mentre nel 2019 aveva segnato un round da 635 milioni nel 2019 e un altro da 200.

I finanziamenti ricevuti

Bright Health è una startup storicamente ben finanziata. Lo scorso autunno, ha raccolto 500 milioni di dollari prima della sua espansione in nuovi mercati. In precedenza, ha raccolto 635 milioni di dollari nel 2019 e 160 milioni e 80 milioni di dollari nei tre anni precedenti. È invece del mese scorso l’acquisizione da parte dell’insurtech di Zipnosis, startup di telemedicina, con l’intenzione di fornire cure personalizzate ai pazienti e adattarle alle esigenze individuali.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Lascia un commento