Insurtech, Buberl (AXA): “I big tech nelle Assicurazioni? E’ questione di tempo”

Thomas-Buberl, insurtech, axa

Insurtech, Buberl (AXA): “I big tech nelle Assicurazioni? E’ questione di tempo”

“Alcuni di questi giganti del web stanno pensando a entrare nel mercato delle polizze, come in quello bancario. Finora si tratta di piccole cose, ma è questione di tempo”. A dirlo in un’intervista a L’Economia del Corriere della Sera è Thomas Buberl,  numero uno del colosso assicurativo francese.

Buberl individua due modi per affrontare questa minaccia. Uno è fatto in casa: “Da un lato lanciano servizi come, per esempio, la nostra telemedicina che consente al cliente di avere risposte e soccorsi immediati 24h in tutti i giorni dell’anno da remoto; dall’altro allearsi, collaborare innanzitutto nel campo dei big data-analytics”.

Su quest’ultimo punto, rivela Buberl, Axa ha investito dal 2015 “un miliardo in house e partnership”.

Buberl ha affrontato anche la tematica riguardante il rischio cyber. Come ridurre i danni di fronte a un rischio del genere? “Aiutando il cliente nella prevenzione e nel ritorno alla normalità – afferma il numero uno di Axa che aggiunge – Prendiamo il rischio di attacco cyber: insieme a partner specializzati possiamo aiutare il cliente a diagnosticare i livelli di protezione ed educare i dipendenti perchè non aprano involontariamente varchi di accesso”.

Per Buberl questa che stiamo vivendo è l’età d’oro delle assicurazioni. Il perchè è presto detto: “Rischi emergenti, innovazione tecnologica e cambiamenti sociali creano una domanda di protezione che non ha precedenti. Le compagnie di assicurazioni sono chiamate a dare risposte e offrire coperture e servizi in termini nuovi e in continua evoluzione. Risposte che possono essere solo collettive. Perciò il settore ha acquistato una rilevanza sociale che probabilmente non ha avuto nel passato”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento