Insurtech, De Felice (Anra): “Assicurazioni devono cambiare modello di business”

decreto dignità, insurtech, anra, alessandro de felice

Insurtech, De Felice (Anra): “Assicurazioni devono cambiare modello di business”

“L’innovazione sta raggiungendo mondi di produzione tradizionali, modificando modi di lavorare consolidati da decenni. Il settore assicurativo è uno di questi mondi”. A dirlo in un colloquio con InsurZine è Alessandro De Felice, presidente di ANRA e Chief Risk Officer di Prysmian, leader mondiale nell’industria dei cavi e sistemi ad altra tecnologia per energia e telecomunicazioni.

Parole certificate dai fatti. Il 2016 è stato l’anno dell’insurtech. E il 2017, secondo gli analisti del settore, sarà l’anno della sua effettiva esplosione.

“L’unica cosa da capire è se il settore assicurativo sarà agente attivo o passivo di questo cambiamento  e come questo cambiamento condizionerà il business delle assicurazioni” spiega De Felice anticipando alcune delle domande alle quali cercherà di rispondere il convegno del 6 aprile organizzato da ANRA e dal titolo “Dall’industria 4.0 all’Iot: Come l’innovazione sta cambiando i rischi e l’insurance business”.

“Un altro quesito che proporremo è se l’assicuratore diventerà un mero fornitore di prodotti oppure cavalcherà l’onda dell’innovazione diventando l’angelo custode delle imprese digitalizzate”.

Ad oggi le compagnie si stanno attrezzando per intercettare il cambiamento tecnologico in atto. Ma per il presidente di ANRA non è abbastanza.

Insurtech, De Felice: “Mancano competenze tecnologiche”

“Al momento mancano le competenze tecnologiche. Abbiamo visto che alcune compagnie si stanno muovendo cercando partnership con aziende tech ma non basta. Serve cambiare modello di business ampliando la propria offerta assicurativa e offrendo all’azienda e/o al cliente supporto e consulenza nel gestire i nuovi rischi nati insieme a questa ondata di digitalizzazione”.

Secondo De Felice, con le nuove tecnologie, termini e processi come la  “denuncia sinistri” verranno superati. “La digitalizzazione renderà il contratto di assicurazione qualcosa di antico. Tutte quelle formalità che prima incattivivano i rapporti tra assicurato e assicuratore spariranno. Anche scrivere la polizza non sarà più necessario”.

Insurtech, De Felice: “Intermediario deve diventare consulente”

Weareables, Iot, big data, saranno i protagonisti di questo cambiamento. Chi non sarà in grado di intercettarlo o plasmarlo non avrà futuro. Conclude De Felice: “Il destino dell’intermediario è nelle proprie mani. Se riuscirà a trasformarsi in un consulente/sarto capace di recepire le esigenze del cliente offrendogli un prodotto tecnologicamente avanzato ritagliato su misura, non avrà di che preoccuparsi. Se invece si limiterà a vendere un prodotto non farà molta strada”.

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

E’ il Direttore Responsabile di Insurzine. Ha collaborato in passato con le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano. Si occupa di sondaggi per Termometro Politico. Ha contribuito alla realizzazione del magazine di informazione online Smartweek. Lavora all’interno dell’ufficio stampa del Gruppo Galgano.

Lascia un commento