Insurtech, i dispositivi IoT rivoluzionano l’assicurazione sanitaria

assicurazioni, digital health, insurtech, IoT e assicurazione sanitaria

Insurtech, i dispositivi IoT rivoluzionano l’assicurazione sanitaria.

“Nel 2018, ci aspettiamo che i device di tecnologia IoT (Internet of things) guidino le soluzioni personalizzate nell’area dell’assicurazione sanitaria e portino avanti un cambiamento da modelli di restituzione reattiva a modelli di prevenzione proattiva” hanno affermato nello State of FinTech Report 2018. Infatti, si prevede che l’insurtech e l’IoT creeranno nuovi modelli di business e opportunità di posizionamenti di nicchia, così come un incremento nella profilazione permesso dalla costante connessione di tutti i device.

“Si stima che entro il 2020 saranno collegati a Internet fino a 50 miliardi di dispositivi in tutto il mondo: ciò equivale a circa sei dispositivi per ogni persona. Naturalmente, la connettività ha un costo. Le aziende leader stanno mettendo a budget oltre 100 milioni di dollari all’anno per lo sviluppo di sistemi IoT. Società diverse come GE, IBM, Cisco, Samsung e Monsanto stanno attualmente investendo miliardi nelle loro iniziative IoT e di analisi. Solo Samsung si sta muovendo per avere tutta la linea di prodotti compatibili con  l’IoT nei prossimi cinque anni “. Sono numeri importanti quelli snocciolati da Ron Schaber, vice presidente della compagnia Munich American Reassurance.

 

L’assicurazione sanitaria sarà una delle aree più influenzate in modo positivo dalla trasformazione in corso portata avanti dai dispositivi costantemente connessi. Grazie alla loro capacità di raccogliere dati, infatti, i dispositivi possono sostenere organizzazioni sanitarie e assicuratori nel cogliere opportunità di gestione dei rischi e di prevenzione delle perdite. È interessante notare che alcune stime suggeriscono che per ogni dollaro speso in cure preventive, gli operatori possono aspettarsi un ritorno di tre dollari.

Si prevede che entro il 2021 saranno venduti complessivamente oltre 500 milioni di dispositivi intelligenti indossabili, che includeranno oltre 80 milioni di smartwatch, 5,6 milioni di fotocamere, anch’esse “indossabili”, quasi 64 milioni di polsini, oltre 22 milioni di orologi sportivi e milioni di unità in altre categorie. Gli smart e sport watch sono la principale categoria che monitorizza le condizioni del proprietario e possono essere utilizzati per tracciare la salute e adeguare le politiche in base ai rischi associati allo stile di vita.

Dispositivi personali e assicurazione sanitaria

Tanti sono gli esempi di collegamento di dispositivi personali all’assicurazione. Oscar Healthcare, per esempio, attraverso una partnership con Misfit, compagnia di dispositivi wearable, offre un programma che collega le informazioni biometriche del cliente con la sua assicurazione sanitaria. Anche Samsung sta sperimentando la combinazione di assicurazione sanitaria e modello IoT. Alla fine del 2017, ha infatti annunciato la sua collaborazione con UnitedHealthcare e Qualcomm Life, per offrire Samsung Gear Fit2 Pro e Samsung Gear Sport nel programma benessere UnitedHealthcare Motion. Questa app permette ai membri con piani idonei di guadagnare denaro per spese mediche, semplicemente camminando.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento