Insurtech, Equipsme raccoglie 500 mila sterline attraverso Crowdcube

Equipsme

Insurtech, Equipsme raccoglie 500 mila sterline attraverso Crowdcube.

La startup inglese Equipsme ha annunciato di aver raggiunto il suo obiettivo di raccogliere 500 mila sterline attraverso la piattaforma di crowdfunding Crowdcube. Fondata nel 2017, Equipsme fornisce alle aziende un modo intelligente ed economico di fornire supporto sanitario pratico ai propri dipendenti.

“Pensiamo che le aziende e i lavoratori autonomi meritino di meglio quando si tratta di pacchetti sanitari per i dipendenti, motivo per cui abbiamo reso l’assicurazione semplice, coprendo le persone solo per ciò di cui hanno bisogno” scrive la società in una nota. Equipsme offre pacchetti flessibili a prezzo fisso, con la possibilità per i dipendenti di pagare per aggiornare la polizza oppure aggiungere membri della famiglia.

Nella nota stampa, l’insurtech spiega che “solo il 5% delle aziende del Regno Unito acquista un’assicurazione sanitaria per i propri dipendenti, ma il 41% degli impiegati desidera assistenza sanitaria privata. Con un aumento del 53% delle liste di attesa per il trattamento del servizio sanitario nazionale dal 2012 e 15,4 milioni di giorni lavorativi persi dallo stress nel 2018, in una società post-covid, dare la priorità alla salute dei dipendenti non è più un’opzione. ”

I fondi del round raccolti su Crowdcube verranno utilizzati dalla società per migliorare la customer experience e ampliare il team marketing in vista delle partnership con con Starling Bank e Simply Business.

Sono tanti i passi compiuti da Equipsme dal febbraio 2018 ad oggi: dalla collaborazione siglata con AXA PPP Healthcare alla crescita della base clienti del 130,5% su base annua fino ad arrivare al lancio recente di un suo prodotto assicurativo dedicato ai lavoratori autonomi.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento