Insurtech, Farina (ANIA): “Sempre più italiani interessati ad auto a guida autonoma”

guida autonoma, insurtech, auto senza conducente, insurtech

Insurtech, Farina (ANIA): “Sempre più italiani interessati ad auto a guida autonoma”. 

“La nuova mobilità mostra grandi prospettive e promette di cambiare le nostre vite e il nostro modo stesso di fare assicurazione”. A dirlo è Maria Bianca Farina, Presidente ANIA, durante la giornata “Innovazione e Mobilità: dall’Auto alla Sharing Economy e alla Smart Mobility” tenutasi a Roma il 28 novembre scorso.

“E’ in atto una tendenza sempre più marcata verso un significativo cambiamento della circolazione dovuto ad un parco auto più ridotto, alla mobilità condivisa e ad auto intelligenti – ha spiegato Farina illustrando i dati di uno studio Deloitte. “Il tasso di motorizzazione degli italiani tra i 18 e i 45 anni è passato dal 53% del 2005 al 37% del 2016. A ciò ha contribuito anche la diffusione del car pooling con 2,5 milioni di utenti e del car sharing con 5.600 noleggi in media al giorno”.

L’auto a guida autonoma avrà un grande impatto nel settore assicurativo. E’ sempre Farina a snocciolare alcuni dati interessanti. “Il 65% degli italiani manifesta interesse per l’auto autonoma a fronte di una media europea del 48%, e attualmente il 10‐15% delle auto in circolazione ha sistemi di guida assistita. Recenti ricerche indicano che, nonostante i ritmi relativamente lenti di rinnovo del parco auto, nel 2025 circa metà del parco circolante sarà dotato di sistemi di guida assistita o autonoma, con evidenti conseguenze sia in termini di frequenza che di severità del rischio”.

Insurtech, Farina: “Si va verso mutualità dinamica tecnologica”

Con l’arrivo dell’auto a guida autonoma e le nuove tecnologie, la nuova mobilità produrrà una variegata quantità di dati. “Una fonte inesauribile di informazioni che può cambiare in profondità diverse industrie – rivela il presidente ANIA – Nel nostro settore è sufficiente osservare che mentre la valutazione del rischio veniva tradizionalmente svolta collocando i clienti in classi omogenee di rischio basate su informazioni ex ante. Oggi le tecnologie digitali ci spingono verso un approccio di tipo dinamico e prospettico, che riclassifica nel continuo il profilo di rischio dell’assicurato: in definitiva una mutualità dinamica tecnologica. Pertanto è auspicabile che il regolatore comunitario opti per un sistema aperto – cioè con le informazioni accessibili ai diversi operatori – perché a tutti sia consentito fare la propria parte nell’assicurare i benefici connessi alla maggiore disponibilità di dati”

“L’ANIA e l’intero settore assicurativo – ha concluso Farina – saranno in campo per contribuire ad individuare le forme di protezione più adatte alle nuove forme di responsabilità del produttore, per i nuovi rischi della circolazione che vedranno veicoli tradizionali con veicoli evoluti sulle stesse strade, per proporre nuove soluzioni assicurative sui servizi di sharing mobility e per modelli di offerta più vicini ai desiderata dei millenials come l’instant insurance anche per l’auto”.

 

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

Classe 1986. Dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano nel 2012 approda a Termometro Politico e l’anno successivo a Smartweek. E’ Direttore Responsabile di InsurZine. Dal 2016 fa parte dell’ufficio stampa del Gruppo Galgano.

Lascia un commento