Insurtech, l’AI fa incontrare i clienti e le polizze più adatte a loro

artificial intelligence insurtech

Insurtech, l’AI fa incontrare i clienti e le polizze più adatte a loro

Le startup assicurative usano l’intelligenza artificiale per ottimizzare il processo di ricerca e migliorare  l’incontro tra le polizze e i clienti. Diverse startup stanno infatti entrando nel settore assicurativo e lo stanno rivoluzionando. Allo stesso tempo, le aspettative dei clienti riguardo alle transazioni digitali diventano sempre più alte. I ricercatori di PSFK, media company newyorkese, hanno approfondito l’ambito InsurTech per scoprire come le aziende stanno utilizzando l’intelligenza artificiale per raccogliere i dati dei clienti e fornire risultati personalizzati, feedback e raccomandazioni pertinenti alle esigenze dell’utente. Da questa analisi emerge che le startup più attente a servizi personalizzati sono le seguenti.

Brolly fornisce assicurazioni personali basate su app, la quale fornisce agli utenti informazioni e automatizza i consigli che tradizionalmente potrebbero ottenere parlando con un broker assicurativo. L’app guidata dall’IA non analizza solo se un cliente è sotto o sovra-assicurato, ma anche eventuali lacune o duplicazioni nella copertura.

SPIXII è una startup con sede a Londra che usa l’AI e il machine learning per offrire ai consumatori, attraverso un’app, una copertura assicurativa automatizzata. L’app mette a disposizione una chat, simile a Whatsapp, sullo smartphone dove un robot fa semplici domande e comprende cosa serve al cliente.  Costruita su principi di neuro economia e integrazione dei dati contestuali degli user da fonti multiple, SPIXII è un chatbot assicurativo progettato per parlare con il consumatore come una persona pronta a fornire un’esperienza su misura.

Health IQ è una compagnia assicurativa pensata per gli individui attenti alla salute che offre tariffe migliori a chi si prende cura del proprio benessere. I clienti più attenti non devono sovra pagare l’assicurazione: le ricerche dimostrano che le persone che si prendono cura di sè proattivamente svolgono meglio test sulla salute, quindi Health IQ negozia con le grandi compagnie assicurative come Prudential e Securian per fornire l’assicurazione sulla vita con un 4% di sconto per coloro che superano il test. I clienti hanno diritto ad un ulteriore 4% di sconto se in possesso di determinati requisiti, come attività fisica quotidiana.

L’uso dell’AI e del machine learning è solo uno dei modi con cui le agenzie assicurative stanno ottimizzando i loro servizi. Per approfondimenti sull’industria, è disponibile il report di PSFK Optimizing The Digital Insurance Experience

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

 

The following two tabs change content below.
Ludovica Leoni

Ludovica Leoni

Laureata in Economia e Gestione dei Beni Culturali presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore. Iscritta presso la stessa università al Corso di Laurea Magistrale "Mercati e Strategie d'Impresa".

Lascia un commento