Insurtech, Lemonade lancia l’allarme: loss ratio troppo alto

insurtech, lemonade cofounders

Insurtech, Lemonade rallenta: loss ratio troppo alto.

“Il loss ratio è ancora in rosso ed è circa il 60% più alto di quello che vorremmo che fosse. Meglio quindi rallentare la curva di crescita per arrivare ad un esercizio più equilibrato, salutare e redditizio”.

Con un post sul blog aziendale, il cofondatore di Lemonade, Shai Wininger, ha annunciato la nuova strategia della startup insurtech che nei primi mesi del 2018 ha incrementato il proprio giro di affari del 1.000% su base annua.

Lemonade, che offre agli affittuari polizze assicurative on demand, ha chiuso recentemente un round di finanziamento da 120 milioni di dollari guidato da SoftBank. Non solo. Ha lanciato il suo servizio in 10 nuovi stati americani, ha risistemato il team sinistri, ridisegnato quello di produzione e lanciato una polizza assicurativa open source. Tanta carne al fuoco che ha portato la società ad una crescita vertiginosa ma con alcuni dettagli non di poco conto ancora da sistemare. Tra questi la riduzione del loss ratio.

Wininger è convinto che l’operazione risanamento avrà esito positivo. “Per la prima volta disponiamo di dati sufficienti per agire e abbattere questo indicatore” ha affermato il cofondatore di Lemonade salvo poi aggiungere che la “correzione del loss ratio richiederà la messa a punto della macchina, la modifica di prodotto, prezzi e documentazione”. “Ma – ha concluso – stiamo già assistendo a risultati incoraggianti”.

 

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

Classe 1986. Dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano nel 2012 approda a Termometro Politico e l’anno successivo a Smartweek. E’ Direttore Responsabile di InsurZine. Dal 2016 fa parte dell’ufficio stampa del Gruppo Galgano.

Lascia un commento