Insurtech, Naked: l’assicurazione auto è “trasparente”

naked, insurtech

Insurtech, Naked: l’assicurazione auto è “trasparente”.

Anche in Sudafrica, il mercato dell’insurtech è in fermento. A segnare il passo in questo caso è Naked, startup assicurativa che offre un’assicurazione auto basata sull’intelligenza artificiale. Grazie ai 20 milioni di rand (moneta locale) in finanziamenti arrivati dalle aziende Hollard e Yellowwoods, i tre fondatori, Sumarie Greybe, Alex Thomson ed Ernest North (tutti e tre con alle spalle anni di collaborazioni con le maggiori compagnie assicurative sudafricane), hanno lanciato ufficialmente l’app che utilizza database esistenti come eNATIS e Trans Union per verificare l’identità degli utenti che richiedono una copertura.

Attraverso l’app è possibile chiedere preventivi (disponibili in tre minuti), effettuare richieste di risarcimento ed altre operazioni. Per assicurare l’auto basta inviare la foto della propria vettura, selezionare l’anno, la marca e il modello del veicolo. L’intelligenza artificiale fa il resto. Come spiegano i tre founder, i clienti che utilizzano Naked possono cambiare l’assicurazione in qualsiasi momento oppure possono metterla in pausa quando non stanno utilizzando l’auto.

Alla domanda su cosa rende Naked diverso dagli altri assicuratori, i fondatori hanno spiegato che la peculiarità sta nel modello di revenue: prendono solo il 20% di tutti i premi che servono poi a coprire i costi di gestione e, auspicabilmente, qualche profitto.

L’altro 80% è invece destinato a liquidare i sinistri. “Non ci sono costi nascosti – precisano i tre – Ecco perché ci siamo chiamati Naked “, ha detto la compagnia. La trasparenza prima di tutto.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento