Insurtech, i guidatori chiedono più trasparenza sui prezzi sulle polizze auto

insurtech, polizza auto

Insurtech, i guidatori chiedono più trasparenza sui prezzi sulle polizze auto.

Il lavoro delle compagnie assicurative specializzate nel settore delle polizze auto si sta concentrando nel garantire sempre più trasparenza dei prezzi proposti. Il fine è quello di andare incontro alle aspettative e alle esigenze dei consumatori. Una recente indagine condotta da Cambridge Mobile Telematics’ (CMT) ha riportato un’importante richiesta da parte dei guidatori: la possibilità di avere polizze auto basate sui comportamenti di guida.

Insurtech, l’indagine della CMT

L’indagine della Cambridge Mobile Telematics’ è stata condotta su più di 700 guidatori. I risultati elaborati sono stati molteplici. Innanzitutto, soltanto il 20% del campione ha una piena conoscenza delle modalità con cui le rispettive compagnie assicurative stabiliscono le polizze.

Questa indagine ha poi evidenziato come il ricorso a metodi tradizionali nella rilevazione dei rischi stia rovinando i rapporti di fiducia tra consumatori e assicuratori.

Soltanto al 22% dei guidatori campione, inoltre, è stato offerto un programma BBI, ovvero polizze basate sul comportamento di guida del conducente (behavior-based insurance).

L’insoddisfazione dei consumatori è sempre in crescita. E’ dunque fondamentale per le compagnie assicurative di polizze auto assumere un nuovo tipo di approccio.

Insurtech, più trasparenza con gli smartphone

“L’avvento degli smartphone ha portato ad avere un livello di trasparenza più alto. Grazie alle loro funzioni telematiche, gli smartphone aiutano gli assicuratori auto a stabilire i prezzi in base a ciò che conta di più: il buon livello di guida del conducente” ha affermato Sam Madden, co-founder e chief scientist di Cambridge Mobile Telematics.

Gli smartphone infatti costituiscono una risposta efficace al problema della trasparenza dei prezzi. I dati, le analisi sul web e i feedback conducono verso lo sviluppo di un’offerta migliore per il cliente.

Insurtech, l’interesse dei millenials

I giovani intervistati da CMT, indicati con il termine ormai diffuso di “millenials“, hanno mostrato molto interesse per i modelli telematici via mobile e i loro benefici.

“Questo interesse dei giovani guidatori è una grande notizia per l’industria assicurativa delle polizze auto. Vogliono diventare ottimi guidatori e si preoccupano per la sicurezza dei loro amici e familiari”. Grazie ai nuovi servizi telematici degli smartphone, le compagnie assicurative potranno attirare e conquistare i giovani guidatori e salvaguardarli per la vita.

 

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Lascia un commento