Insurtech, la promessa mantenuta di Axieme

axieme, insurtech

Insurtech, la promessa mantenuta di Axieme.

Detto, fatto. La startup insurtech Axieme ha mantenuto la sua promessa: premiare gli assicurati virtuosi. A beneficiare del giveback sono stati gli iscritti di jobby, la community di lavoratori che un anno fa ha stipulato una polizza assicurativa con Axieme per proteggere i propri “workers” da eventuali infortuni occorsi mentre svolgono lavori intermediati dalla piattaforma.

“Abbiamo deciso di tutelare i nostri workers dagli infortuni e stiamo lavorando insieme come early adopter di un modello assicurativo nuovo, flessibile e soprattutto adatto alla gig economy” ha dichiarato Andrea Goggi, amministratore di jobby. “Vogliamo porci come un player di riferimento del nuovo mercato del lavoro e non potevamo che avere un partner assicurativo altrettanto innovativo e orientato al futuro. Per questo motivo stiamo lavorando insieme per espandere il servizio e avere sempre più varietà di tutele di gig-insurance per workers e offerenti”.

Come previsto dal modello Axieme, alla scadenza della polizza assicurativa è stato fatto il conto dei sinistri avvenuti nella community. Secondo il principio del “minori sinistri = maggiore giveback” la community jobby ha ottenuto la restituzione di una quota-parte del premio pagato.

“Siamo molto soddisfatti dell’esperienza con Axieme” prosegue Goggi “Non solo non abbiamo avuto bisogno di ricorrere alla polizza assicurativa, ma questo comportamento virtuoso della nostra community ci ha addirittura permesso di ottenere un giveback. Non nascondo che è stato sorprendente ricevere un accredito sul nostro conto in banca da parte dell’assicuratore, per un attimo mi sono anche chiesto a cosa fosse dovuto, poi mi sono ricordato: è la prima volta che ricevo dei soldi da un’assicurazione per il fatto di non aver avuto un sinistro”.

Insurtech, il meccanismo di giveback di Axieme

Un meccanismo, quello di Axieme, che genera benefici per tutti – la compagnia di assicurazione, la community e il terzo settore – e ha inoltre delle ricadute positive anche in ambito di Corporate Social Responsibility (Responsabilità Sociale d’Impresa). Il giveback può essere, infatti, liberamente destinato ad iniziative benefiche o cause di interesse della community. Un accredito “insperato e imprevisto” che l’assicurato può destinare alle iniziative che più gli stanno a cuore.

E per jobby, come è stato utilizzato il giveback ottenuto?

“jobby lo ha devoluto all’Unicef” conclude Goggi “per sostenere la loro attività contro lo sfruttamento del lavoro minorile, un tema al quale siamo particolarmente sensibili visto l’ambito in cui operiamo”.

 

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

One thought on “Insurtech, la promessa mantenuta di Axieme

Lascia un commento