Insurtech, Ride Vision raccoglie 7 milioni di dollari

Ride Vision, insurtech

Insurtech, Ride Vision raccoglie 7 milioni di dollari.

Ride Vision, startup israeliana che ha sviluppato un avanzato sistema di assistenza alla guida con Collision Aversion Technology, ha raccolto 7 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie A, portando il suo finanziamento totale a 10 milioni di dollari. Il round di finanziamento è stato guidato da OurCrowd, con la partecipazione di YL Ventures, una società di venture capital internazionale focalizzata su startup in fase iniziale, Mobilion VC, un fondo di venture capital di mobilità intelligente con una forte rete di distribuzione aftermarket; e Metagal, un produttore di specchietti per motocicli (come Honda).

Fondata nel 2018, Ride Vision utilizza una combinazione di riconoscimento delle immagini e tecnologie AI per sviluppare un sistema di visione predittivo che fornisce ai motociclisti avvisi di minacce a basso costo. L’hardware include due telecamere grandangolari montate sia sulla parte anteriore che su quella posteriore del veicolo, indicatori di avviso unici posizionati sugli specchietti e un’unità di elaborazione principale a bordo che memorizza gli algoritmi brevettati di Ride Vision. Di conseguenza, i ciclisti ricevono avvisi di collisione in avanti, mantenimento della distanza (prossimità), punti ciechi e sorpassi pericolosi tramite gli indicatori situati sui loro specchietti. Gli utenti possono anche accedere ai riepiloghi della corsa, che contengono rapporti cumulativi, tra cui distanza totale, avvisi totali e dati sulla velocità massima. Nel novembre 2019, Ride Vision ha stretto una partnership con la compagnia Sara Assicurazioni volta a garantire una maggiore sicurezza ai motociclisti che percorrono le strade italiane.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

La Redazione di InsurZine è composta da collaboratori, influencer ed analisti, esperti del settore insurtech

Lascia un commento