Insurtech, Zanini (Axa Italia): “La mutualizzazione del rischio è morta”

insurtech, digital disruption

Internet of Things, connected devices, nuova data protection e soprattutto insurtech. Di questo e molto altro si è parlato giovedì scorso all’evento “Connected, Insurtech & Iot“, organizzato da Fluel presso la Microsoft House di Milano.

Ad aprire i lavori è stato Fabrizio Villani, founder di Fintastico, con una panoramica sul mondo insurtech con protagonisti e trend. A seguire è stata la volta di Giulio Coraggio, Partner responsabile del Sector Technology in Italia e Global Co-Chair del gruppo Internet of Things per DLA Piper. Al centro dell’intervento la nuova normativa europea in materia di Data Protection e la sua applicazione nel mondo assicurativo (qui potete trovare qualche informazione in più). “Alcune compagnie – ha spiegato Coraggio – hanno istituito piattaforme di e-learning per formare gli intermediari sulla nuova data privacy”.

All’incontro hanno partecipato e sono intervenute numerose startup insurtech italiane: da Darwinsurance a Neosurance senza dimenticare Namu Insurtech e SPIXII.

Insurtech, il monito di Zanini (Axa Italia)

Interessante è stato l’intervento di Gianluca Zanini, Head of Partnership and Innovation Leader di AXA Italia che ha decretato di fatto la “morte” della mutualizzazione dei rischi. “Le compagnie del futuro non solo dovranno prevenire i rischi ma anche predirli” ha affermato Zanini che poi ha lanciato un avvertimento al settore assicurativo. “I giganti del tech per ora non sono entrati nel mercato assicurativo altrimenti sarebbero stati dolori per noi. A salvarci è stata la regolamentazione molto ferrea. Però bisogna cambiare struttura organizzativa se non si vuole rimanere indietro. Il processo di trasformazione passa da una prova di coraggio”.

 

Seguici sui nostri canali social: Facebook e Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

 

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

Classe 1986. Laureato alla Cattolica di Milano in Linguaggi dei Media. Dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano nel 2012 approda a Termometro Politico e l’anno successivo a Smartweek. Nel mentre contribuisce alla realizzazione del magazine insurtech InsurZine. Dal 2016 fa parte dell'ufficio relazioni esterne del Gruppo Galgano.

Lascia un commento