Italy Insurance Forum 2018: la diretta dell’evento

italy insurance forum 2018

Italy Insurance Forum 2018: la diretta dell’evento.

Si tiene oggi, presso l’Atahotel Expo Fiera a Pero (Milano), la quinta edizione dell’Italy Insurance Forum, evento sull’innovazione assicurativa che raccoglie oltre 350 rappresentanti del mercato insurance con oltre 60 Relatori C-Level del settore assicurativo. Tante le novità di questa edizione: dall’intervento di Lemonade, startup insurtech che ha stravolto il modo fare assicurazione all’esplorazione di tutte le tecnologie che stanno rivoluzionando il settore delle Assicurazioni.

Italy Insurance Forum 2018, Qui la diretta dell’evento

17.50 La quinta edizione dell’Italy Insurance Forum si chiude qui.

17.40 La startup insurtech Namu vince il premio per la Startup più innovativa.

17.35 Vincitore della categoria Miglior Progetto Antifrode: Dekra.

17.30 Miglior lancio prodotto: vince Groupama Assicurazioni.

17. 25 Arag Se vince il premio per il miglior progetto digital.

16.45 Si avviano alla conclusione tutte le tavole rotonde del pomeriggio. A breve inizieranno le premiazioni dell’Italy Insurance Awards

15.45 E’ partita anche la tavola rotonda sul cyber risk. Primo tema affrontato: bisogna avere consapevolezza del cyber risk e dei danni che può causare alle aziende bloccando attività e produzione. La copertura assicurativa sul cyber risk non deve essere statica ma deve essere un prodotto organico dai servizi flessibili. E’ quindi fondamentale collaborare con il mercato insurance per fare analisi preventiva per modulare la polizza sulle esigenze del business.

15.15 Si apre la tavola rotonda in tema “Semplificare il linguaggio assicurativo: l’Assicuratese Spiegato”. Prima regola: capire cosa fa il cliente, quali problemi affronta e quali benefici vuole ottenere.

14.45 Parla Ty Sagalow: “Quali sono le più grandi differenze tra una Compagnia tradizionale e una startup insurtech? Lemonade, ad esempio, prende decisioni multiple ogni giorno e poi le implementa sempre. Ormai l’assicurazione tradizionale è un modello rotto a causa del conflitto continuo che esiste tra servizio e cliente. La value proposition non può essere più basata sul prezzo più conveniente, dal momento che è facile per i concorrenti ridurlo. Quali sono i prossimi passi per Lemonade? Estensione geografica, estensione del prodotto ma attenzione al cliente. Noi abbiamo scelto un modello di business di startup completo: è l’unico modo per controllare il proprio destino”.

14.30 E’ ora della Fireside Chat “The Lemonade Factor: when Insurance is not the Enemy” durante la quale interverrà Ty Sagalow, founding member di Lemonade.

12.30 “Il momento giusto per portare il prodotto al cliente? Quando ne ha bisogno” afferma Melissa Guerini, Marketing CPP Group Italy durante la sessione Digital&Innovation. “Abbiamo acquisito una startup insurTech che ci ha permesso di avere una piattaforma data driven che abbiamo integrato tramite API nelle piattaforme dei clienti”.

12.00 “Bisogna avviare partnership per la profilazione del cliente e del suo comportamento: le cose non si fanno da soli, le partnership devono essere globali” dice Dante Laudisa, Marketing & Communication Director di GFT Italy durante la sessione Digital&Innovation.

11.45 “Oggi il problema non è trovare dati, ma capire come sfruttarli al meglio” a dirlo è Emilia Capriati, Junior Key Account Manager di Rgi Group, nella sessione IT&Data

11.35 Massimo Treffiletti, Dirigente Responsabile Sinistri Auto ANIA, parla di CARD 2017. “L’accertamento della responsabilità è molto delicato: dal 2017 si hanno 30 giorni per dichiarazione di responsabilità, 20 giorni per lo scambio documentale e 10 giorni per la fase di cambio stato”.

11.30 Iniziano ora le tavole rotonde previste in agenda: Digital&Innovation, It&Data, Sinistri, Distribuzione 4.0.

11.00 Prende la parola Ty Sagalow, founding member di Lemonade. “C’è un conflitto tra il servizio offerto e le persone: questo genera una sfiducia reciproca. C’è stato un tempo in cui l’assicurazione riguardava la comunità, aiutandosi a vicenda e questo è ciò che Lemonade vuole fare: nessun modulo di domanda di assicurazione, esperienza utente piacevole, nessun modulo di richiesta. L’unico modo per presentare un reclamo è attraverso il dispositivo mobile. Il sistema richiede solo 3 secondi per valutare il reclamo e pagare: la tecnologia deve essere piacevole e veloce”.

Ty Sagalow, founding member di Lemonade
Ty Sagalow, founding member di Lemonade

10.05 L’impatto delle auto elettriche sul mercato assicurativo sarà importante e porterà molti cambiamenti:diminuzione dei premi per veicoli a motore, maggiori polizze per la responsabilità su software e hardware, trasferimento della responsabilità da utenti a produttori, polizze più commerciali” afferma Maria Alonso Raposo, Scientific / Technical Project Officer Commissione Europea Dg Jrc.

10.00 Tomaso Mansutti, a.d. della Mansutti, pone l’accento ancora sul cliente. “È importante parlare la lingua dei nostri clienti, entrare nel loro mondo, presentare un ambiente in cui si trovino a loro agio. Serve personalizzazione per ogni cliente e per farlo servono i dati. È inoltre necessario abbassare le barriere nei confronti delle assicurazioni, fornendo servizi e offerte personalizzate. La user experience è il nostro futuro”.

9.50 David Cis, Chief Operating Officer Generali Italia: “La regolamentazione è uno stimolo per creare elementi distintivi per la compagnia assicurativa e per fare chiarezza sul concetto di privacy”.

9.45 “Oggi il consumatore è consapevole del valore del dato, che diventa asset da proteggere, anche in compliance a normativa GDPR” spiega  Vito Rocca, CEO RGI .”Il dato serve per affinare le tariffe o per creare modelli predittivi che diano suggerimenti in merito alla valutazione delle proposte”.

9.40 “L’internet of things permette di essere costantemente in contatto con il cliente. La centralità del cliente e la prevenzione sono al centro della nostra strategia” afferma Luigi Barcarolo, Direttore Insurance Analytics and Business Architecture Cattolica Assicurazioni. “Bisogna diventare capaci di gestire fonti di dati sempre più ampie e complesse, derivanti anche da oggetti connessi di proprietà del cliente. “Il modello portato avanti da Cattolica fonde team attuariali e di data science con l’obiettivo di attivare la contaminazione di queste attività in ottica di stimolo e trasferimento di conoscenze e competenze”.

9.35 “Il cambiamento va affrontato innanzitutto sul piano culturale” afferma Andrea Sabia CEO Bene Assicurazioni.

9.30 Si apre la prima tavola rotonda in tema “The New Insurance Experience” che proverà a rispondere a tre domande: Innovazione vs Regolamentazione: cosa sta cambiando? Dall’Insurtech alle Case Automobilistiche: come sopravvivere ai nuovi player? Driverless Cars: verso una nuova assicurazione? Partecipano Andrea Sabia – CEO Bene Assicurazioni, Vito Rocca – CEO RGI, Maria Alonso Raposo – Scientific / Technical Project Officer Commissione Europea Dg Jrc, David Cis – Chief Operating Officer Generali Italia, Tomaso Mansutti – Amministratore Delegato Mansutti, Luigi Barcarolo – Direttore Insurance Analytics and Business Architecture Cattolica Assicurazioni.

9.00 E’ Gionata Tedeschi, Chief Product Portfolio & Strategic Initiatives Officer OCTO Telematics Group, ad aprire i lavori della quinta edizione dell’Italy Insurance Forum. “Siamo in uno dei momenti più sfidanti per il mondo assicurativo. Bisogna ripensare completamente l’architettura della compagnia assicurativa, mettendo al centro il dato e la customer experience. Non solo, bisogna pensare a nuove collaborazioni in ambito automotive, salute, casa e domotica. Servono visione strategica e capacità di acquisire nuove competenze . Dati, velocità, nuove piattaforme: non si tratta di fare cose in maniera diversa, ma di fare nuove cose. È sulla fiducia da parte dei clienti che la compagnia assicurativa giocherà la propria partita”.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Lascia un commento