Le prospettive della distribuzione diretta

assicurazione, ASSICURAZIONI, distribuzione diretta

Germania: le prospettive della distribuzione diretta in un report Fitch Vincono gli intermediari tradizionali? Secondo noi si. Ancora per molto tempo dice Carlo F. Dettori (CEO di i-arena srl) ma attenzione ai segnali di rapidissimo cambiamento. Insurance-Arena.COM prepara il terreno ai prossimi anni di durissima competizione, puntando tutto sulla interconnessione delle competenze, capacità e vocazioni degli intermediari a livello globale.

Secondo Fitch Ratings,  la quota di mercato del canale di distribuzione diretto in Germania è destinata a crescere, trainata non solo dal settore auto, ma anche dai rami non auto e dal vita.Un elemento chiave del successo della distribuzione diretta è l’elevata efficienza dei costi.
I processi automatizzati e i prodotti standardizzati aiutano a raggiungere risultati positivi anche con volumi di vendita non elevati. Fatta questa premessa, Fitch ritiene che i canali di vendita più tradizionali (agenti esclusivi, broker e banche) continueranno a rimanere, nel medio termine, le più significative forme di intermediazione assicurativa  in Germania.
I cambiamenti, per i canali tradizionali, saranno più una conseguenza delle novità regolamentari che un effetto di sviluppo del mercato.

E’ comunque improbabile che un canale distributivo diventi dominante, vista la presenza abbastanza forte e stabile dei vari intermediari nel mercato.

PRESS RELEASE “Fitch: German Insurance to Continue to See Growing Share from Direct Sales

Il report  è pubblicato sul sito di Fitch Ratings.

German Insurance: direct distribution set to1#MarketPlaceAssicurativo

FITCH
RATINGS
https://www.fitchratings.com

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

Classe 1986. Dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano nel 2012 approda a Termometro Politico e l’anno successivo a Smartweek. E’ Direttore Responsabile di InsurZine. Dal 2016 fa parte dell’ufficio stampa del Gruppo Galgano.

Lascia un commento