Offerta prodotti assicurativi, Ivass: “Prosegue la diffusione in Italia dell’instant insurance”

assicurazione, offerta prodotti assicurativi

Offerta prodotti assicurativi, Ivass: “Prosegue la diffusione in Italia dell’instant insurance”

Aumento della diffusione delle instant insurance e di soluzioni assicurative di tipo modulare e consolidamento di tariffe “comportamentali” in cui il premio, al rinnovo del contratto, è calcolato sulla base di algoritmi che valutano lo stile di guida pregresso del conducente. Sono questi, in sintesi, i risultati emersi dall’analisi periodica sulle nuove tendenze nell’offerta di prodotti assicurativi realizzata da IVASS nel periodo gennaio-giugno 2018.

Aumenta diffusione instant insurance e collaborazioni insurtech

Prosegue la diffusione in Italia di micropolizze legate all’instant insurance che attraverso piattaforme tecnologiche propongono direttamente sullo smartphone del cliente delle coperture temporanee, di brevissima durata, calibrate sulle sue precise esigenze nel momento esatto in cui può averne bisogno. Si tratta di offerte di importo contenuto che per semplicità del processo d’acquisto si prestano alla vendita in mobilità.
Se i primi esempi in Italia erano limitati a bisogni ben precisi e non proprio quotidiani, soprattutto polizze viaggio (ad es. assistenza, ritardo volo, bagaglio) o assicurazione infortuni per attività sportive non agonistiche (ad es. lo sci per un giorno), si affacciano ora sul mercato servizi assicurativi per elettrodomestici, dispositivi elettronici, smartphones e tablets.

Nello sviluppo della digitalizzazione, IVASS sottolinea due operazioni interessanti. La prima riguarda un gruppo assicurativo che ha lanciato una micropolizza di tipo parametrico riguardante i voli aerei che si avvale della tecnologia blockchain per assicurare l’inviolabilità dei dati e assicura il caso di ritardo del volo. La seconda interessa una community di car rental/sharing che, in collaborazione con un partner assicurativo, ha inserito sulla propria piattaforma un’assicurazione a tutela sia del proprietario sia del conducente, su ogni veicolo oggetto di condivisione con durata non superiori a 28 giorni.

Auto connesse, tariffe comportamentali sempre più utilizzate

Sulle polizze connesse, soprattutto in ambito RC Auto, “assumono sempre maggiore rilievo i fattori correlati allo stile di guida e gli automatismi nel funzionamento delle black box e dei dispositivi elettronici in uso. Eventuali limiti nella precisione dei parametri tecnici rilevati (ad es. una buca o uno scossone per un dosso, possono innescare una rilevazione di minicrash oppure l’impossibilità nel geolocalizzare il veicolo all’interno di gallerie o passaggi sotterranei) costituiscono elemento di attenzione, anche per i possibili contenziosi che ne potrebbero derivare” scrive IVASS.

Pmi, GDPR uno stimolo per le compagnie in ottica rischio cyber

Per quanto riguarda le PMI, IVASS rileva l’arrivo di nuove offerte a protezione del business di specifiche categorie di azienda.

Nel settore agricolo, sono stati rilevati coperture assicurative e servizi a protezione dei danni causati da avversità atmosferiche che possono pregiudicare le colture agricole assicurate quali ad esempio: uva da vino, riso, mais e frumento. “Grazie ad app tecnologicamente evolute – scrive IVASS – gli agricoltori sono agevolati nel monitorare la propria coltivazione e nell’effettuare misurazioni sia sullo stato di salute delle foglie sia sul contenuto di azoto delle piante. Inoltre è possibile ricevere dettagliate previsioni meteo a tre giorni sulla base della tipologia di coltura assicurata con informazioni su temperatura, pioggia e vento oltre ad alert automatici quando i parametri superano le soglie di danno alle colture a causa di un andamento climatico avverso”.

In materia di cyber sicurezza, anche per via dell’entrata in vigore della GDPR, si osserva uno stimolo da parte delle compagnie assicurative nello sviluppare nuovi prodotti e soluzioni di tipo stand alone a copertura del rischio cyber.

“Le coperture assicurative dedicate alle Pmi – è scritto nel rapporto – riguardano la responsabilità civile per fronteggiare i casi di richieste di risarcimento danni da parte di terzi per la diffusione di dati personali (leakage) e la trasmissione di ransomware la pubblicazione di informazioni lesive della reputazione e della privacy di terzi come conseguenza di un incidente informatico, oppure per ricevere assistenza in osservanza agli obblighi della GDPR. Tali offerte coprono altresì i danni subiti per l’interruzione della propria attività o causati dalla perdita di dati sensibili o archivi informatici e i costi di ripristino”.

Altro trend riguarda la crescita e l’affinamento delle soluzioni assicurative a “ombrello” di tipo modulare che le compagnie propongono per conciliare una pluralità di coperture e servizi assicurativi nell’ambito di un unico strumento, flessibile, che consente al cliente di aggiungere e modificare nel tempo diverse garanzie a seconda dell’esigenza e del momento.

Infine, IVASS rileva da parte delle compagnie di assicurazione, il ricorso a strategie commerciali che puntano su soluzioni ibride o di tipo unit linked piuttosto che su prodotti di tipo tradizionale per quanto riguarda le offerte del settore vita.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

The following two tabs change content below.

Lascia un commento