Polizze temporanee caso morte in Germania

Polizze temporanee caso morte

Gli autori effettuano un’analisi delle scelte in materia di acquisto di polizze temporanee caso morte compiute da un campione di 2.017 consumatori in Germania.

I dati sono raccolti attraverso una serie di rilevazioni via internet. Sulla base di diverse strutture delle preferenze, sono determinate alcune misure espressive della volontà di sostenere il relativo esborso.

E’ altresì svolta una simulazione che consente di valutare gli effetti di crescita del mercato e di switching del prodotto.
l “brand”, la presenza di una copertura di tipo “critical illness” e il “medical underwriting” emergono come i principali fattori (diversi dal prezzo) in grado di orientare le decisioni dei consumatori: se la polizza include alcuni degli elementi preferiti, i consumatori sono disposti a pagare un sovrapprezzo anche significativo.

Tuttavia, dall’indagine emerge anche un’ampia fascia di consumatori che non hanno alcuna propensione all’acquisto, presumibilmente per l’assenza della necessità di disporre di una copertura del rischio di mortalità.Polizze temporanee caso morte

Tra i consumatori che risultano genericamente interessati a una polizza caso morte, le preferenze variano in misura considerevole, il che implica che la differenziazione di prodotto può consentire di evitare pressioni sui prezzi e di far crescere la quota di mercato.

Da ultimo, gli autori mostrano, sulla base della prevista sensitività della domanda e di alcune ipotesi sui costi, che gli assicuratori necessitano di una conoscenza approfondita delle preferenze dei consumatori al fine di identificare il prezzo in grado di massimizzare l’utile.

Articolo tratto da:

POLIZZE TEMPORANEE CASO MORTE IN GERMANIA: UNA VALUTAZIONE DELLE PREFERENZE DEI CONSUMATORI E DELLA LORO PROPENSIONE ALL’ACQUISTO
Alexander BRAUN, Hato SCHMEISER, Florian SCHREIBER

“On consumer preferences and the willingness to pay for term life insurance”
ARIA – AMERICAN RISK AND INSURANCE ASSOCIATION

http://www.aria.org
Link al PAPER

Lascia un commento