Rischio cambiamento climatico: stime riassicuratori potrebbero essere sottostimate

rischio climatico, cambiamento climatico

Rischio cambiamento climatico: stime riassicuratori potrebbero essere sottostimate.

Sebbene i riassicuratori abbiano incorporato il cambiamento climatico nel loro processo decisionale, molte compagnie stanno incontrando difficoltà nell’attuazione di queste direttive. È quanto emerge da uno studio realizzato da S&P Global Ratings secondo cui le stime dei riassicuratori sulla loro esposizione al rischio di catastrofe naturale potrebbero essere sottostimate del 33% o, peggio, del 50%.

“I rischi non modellati e le difficoltà intrinseche nell’attribuire eventi estremi al cambiamento climatico creano il rischio che il cambiamento climatico non si rifletta pienamente nella modellazione delle catastrofi dei riassicuratori, in particolare nel breve termine” ha affermato Dennis P. Sugrue, analista del credito di S&P Global Ratings. “Riteniamo che le società che adottano un approccio più proattivo per comprendere e adattare la propria esposizione al rischio climatico saranno meglio protette dal capitale futuro e dalla volatilità dei guadagni legata alle perdite legate al clima”.

Il 71% dei riassicuratori che hanno risposto all’indagine considera il cambiamento climatico nelle loro ipotesi di prezzo, ma solo il 35% include una componente specifica del prezzo assegnata al cambiamento climatico. Questa varia tra lo 0% e il 10% della tariffa applicata in media e non sembra essere un fattore significativo nella determinazione dei prezzi di mercato.

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento