Rischio cyber, lo stato dell’arte in Italia

rischio cyber

Rischio cyber, lo stato dell’arte in Italia.

Il mercato dell’assicurazione del rischio cyber prevede oggi svariate possibilità di copertura riguardanti la perdita o la divulgazione di dati personali e sensibili, la compromissione del sistema informativo e la sua interruzione di servizio. In Italia si è ancora in una fase di sviluppo seppure in crescita rispetto al passato. E’ quanto emerge dal survey realizzato dall’Osservatorio Information Security & Privacy 2018, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano.

“A livello internazionale è un settore già molto radicato, mentre in Italia si trova ancora in una fase di sviluppo, seppure in crescita rispetto alla precedente rilevazione – commenta Alessandro Piva -. Il 33% delle imprese ha sottoscritto coperture assicurative di trasferimento del rischio cyber (+6%), di cui il 18% che ha scelto polizze completamente dedicate al cyber risk e il 15% che ha optato per assicurazioni generaliste che lo coprono parzialmente. Il 25% sta valutando se attivarle, il 30% è informato della possibilità ma non ha intenzione di farne uso, mentre il 12% non ne è a conoscenza”.

Gli ostacoli che rallentano la crescita del mercato assicurativo sono in primo luogo la difficoltà a misurare l’impatto finanziario di un eventuale incidente di sicurezza (64%) e l’incapacità delle aziende di valutare la propria esposizione ai rischi cyber (58%). Seguono lo scarso coinvolgimento dei Top Manager (30%) e la poca predisposizione delle imprese a sostenere un assessment del rischio cyber (19%). Ci sono infine lacune nell’offerta assicurativa, come la mancanza di trasparenza nella definizione dei danni coperti dalle polizze (19%) e la ancora scarsa competenza tecnica degli assicuratori (19%).

Seguici sui nostri canali social: Facebook Twitter 

Leggi tutte le nostre notizie cliccando QUI

Lascia un commento