Jones (Swiss Re): “La trasformazione digitale non è l’unica priorità del settore assicurativo”

Insurtech, assicurazioni, settore assicurativo

“La trasformazione digitale è solo una delle tante priorità che interessano le Compagnie assicurative”. A dirlo ad Insurzine, il magazine di Insurance-Arena.COM®, è Matthew Jones, Customer Engagement presso Swiss Re.

“Le Compagnie devono destreggiarsi tra i bilanci e soddisfare le aspettative dei clienti. Penso che esse siano pronte ad abbracciare pienamente la digitalizzazione del settore. Prima di farlo però devono soppesare gli investimenti necessari anche perché non va dimenticato che le Compagnie hanno anche altri business”.

Anche Jones, come altri esperti del settore interpellati da Insurzine, auspica per il futuro una sinergia tra startup insurtech e operatori storici consolidati. “La mia speranza è che lavorino insieme per affrontare tutte quelle esigenze di mercato rimaste insoddisfatte”. “Certo – aggiunge Jones – le Compagnie dovranno cambiare mentalità e fare le cose in modo completamente diverso. Dovranno essere create delle unità ad hoc che possano entrare in contatto con le startup insurtech”.

Una strategia questa già adottata da alcune Compagnie che hanno cominciato a formare al loro interno delle divisioni “Digital Innovation”.

Unità che dovranno prendere esempio da realtà già esistenti sul mercato. Come Melius e Tyche, due startup che, secondo Jones, sono assolutamente da seguire. La prima aiuta i clienti a capire di quale protezione hanno bisogno attraverso un algoritmo e il proprio piano finanziario. Tyche invece aiuta i gli assicuratori a prendere decisioni intelligenti sui rischi assicurati grazie ad un’analisi predittiva.

The following two tabs change content below.
Andrea Turco

Andrea Turco

E’ il Direttore Responsabile di Insurzine. Ha collaborato in passato con le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano. Si occupa di sondaggi per Termometro Politico. Ha contribuito alla realizzazione del magazine di informazione online Smartweek

Lascia un commento